Canale di invio e ricezione
accreditato SdI

Sistema di Interscambi

Telefono
+39 06-40402261

Esenzione fiscale

Dizionario di contabilità

Esenzione fiscale

Dizionario di contabilità

Fattura elettronica

Prova Fattura24

GRATIS

per 30 giorni

CLICCA QUI

È un’agevolazione adottata dal legislatore che esonera alcuni soggetti dal pagamento di imposte.

Il principale fine dell’esenzione fiscale è sia promuovere lo sviluppo di zone sottosviluppate che allentare la pressione fiscale sui soggetti con basso reddito.

 

Può essere:

  • soggettiva: dipende dalla situazione del soggetto;
  • oggettiva: vale per tutti i soggetti di un territorio specifico;
  • temporale: dipende dal periodo di validità e dai requisiti;
  • permanenti: non hanno scadenza.

 

Per fare un esempio pratico possiamo affermare che l’esenzione non è una eccezione alla regola generale dovuta a circostanza particolari; molto spesso si parla di esenzione e/o esentasse come ad esempio gli acquisti al dutyfree internazionali dove la merce non è soggetta a nessun regime fiscale/giuridico del paese in cui opera l’attività di vendita, in questo caso, al dettaglio.

 

Un altro esempio che possiamo fare è che in Italia, ad esempio, sono esenti dall’IRPEF quei redditi di fabbricati e terreni di proprietà dello Stato.

 

In linea di principio ogni transizione può essere esente da dazi doganali al momento della dichiarazione che si effettua in uscita dal Paese in cui si acquista.

 

Questo scenario comporta il rimborso del pagamento che viene applicata nel Paese dove si effettua l’acquisto e successivamente rimborsata al momento in cui si esce.

 

Tipologie di esenzione

Ci sono diverse forme di esenzione fiscale in Italia:

  • esente da imposte: vantaggi fiscali in base alla dichiarazione dei redditi:
  • detrazione  fiscale: detrarre determinati tipi di entrate o spese dal reddito imponibile;
  • credito d’imposta: riportare il pagamento delle imposte come credito per i prossimi esercizi fiscali.

 

Vantaggi e svantaggi

Le esenzioni non sono fisse anzi sono uno strumento dinamico che il Governo utilizza per movimentare il mercato interno e molte volte per evitare stalli alla crescita.

 

L’esenzione fiscale ha i seguenti vantaggi se applicata:

  • riduzione del carico fiscale: abbattere dove è possibile il carico fiscale:
  • benefici sugli acquisti: un basso carico fiscale potrebbe incentivare gli acquisti e questo potrebbe rivitalizzare il mercato; 
  • trasparenza: una riduzione lo sgravio fiscale potrebbe portare ad un aumento della trasparenza fiscale quindi ridurre l’appropriazione indebita sul reddito.

 

Ma ci sono anche degli svantaggi nell’applicare l’esenzione fiscale:

  • aumento dei costi: a livello infrastrutturale i costi potrebbero lievitare per la gestione e il rispetto delle regole;
  • aumento dei tempi: più fasi si inseriscono in un processo fiscale più si rischia di allungare i tempi per il rispetto dell’esenzione;
  • appropriazione indebita: avviene quando la dichiarazione si avvicina alle soglie massime  minime dell’esenzione per le entrate e le uscite;
  • riscossione delle tasse: l’applicazione dell’esenzione porta una riduzione sull’importo netto del debito fiscale e questa condizione riduce la riscossione delle tasse.

 

Stai cercando i significati di altri termini? Clicca qui.

Fattura elettronica

Prova Fattura24

GRATIS

per 30 giorni

CLICCA QUI