Passa al contenuto principale

Glossario - J

JEV

Vedi: Joint European Venture

Jawboning

È un termine utilizzato per indicare i comportamenti assunti che hanno l'obbiettivo finale quello di influenzare il mercato in modo illegale.

Joint European Venture

È il network degli intermediari finanziari che ha come obiettivo finale quello di sostenere i consorzi, o partnership, di natura commerciale, industriale e artigianale e le PMI (Piccole Medie Imprese) europee che vogliono avviare una cooperazione transnazionale.

Job analysis

È una locuzione utilizzata per indicare un processo strategico svolto Dall'Ufficio delle Risorse Umane per la selezione di eventuali candidati in risposta alle Job description.

Job creation

È una locuzione utilizzata per indicare l'attività di finanziamento per i processi di creazione delle nuove imprese con progetti innovativi e di espansione di quelle già operanti al fine di promuovere nuove occasioni di lavoro e, quindi, di incrementare il livello occupazionale.

Job description

È una locuzione utilizzata per indicare il processo di descrizione analitica scritta delle principali caratteristiche di una posizione organizzativa secondo i seguenti punti:

  • nome della posizione;
  • finalità principali;
  • dimensioni;
  • posizione in organigramma;
  • le principali relazioni con le altre posizioni organizzative;
  • le principali mansioni.

L'utilizzo di questo metodo permette anche di procedere ad una valutazione delle posizioni lavorative in merito alle loro retribuzioni e per procedere alla selezione del personale.

Job design

È una locuzione utilizzata per indicare le procedure di revisione delle mansioni dei lavoratori con l'obbiettivo di contenere e ridurre gli effetti negativi connessi ad un eccessivo frazionamento dell'attività lavorativa, a sua volta determinata dall'adozione della catena di montaggio e per realizzare la razionalizzazione del lavoro.

Job enlargement

È una locuzione utilizzata per indicare le strategie utilizzate nelle aziende di grandi dimensioni con l'obbiettivo di un aumentare diversificando le mansioni periodicamente affidate ai lavoratori senza l'assunzione di poteri e funzioni diverse da quelle tradizionali.

Job enrichment

È una locuzione utilizzata per indicare l'assunzione verticale di nuovi compiti prevedendo un livello di responsabilità superiore rispetto ai lavori precedentemente svolti e non è necessariamente previsto un aumento retributivo o una promozione.

Job evaluation

È una locuzione utilizzata per indicare i procedimenti valutativi, in termini quantitativi (sistema di punti), le caratteristiche fisiche ed intellettive richieste per l'esercizio di una serie di attività che dovrà eventualmente intraprendere un candidato per lo svolgimento di un dato lavoro; questo metodo permette anche di valutare un corretto livello retributivo.

Job rotation

È una locuzione utilizzata per indicare la strategia aziendale adottata per i lavoratori che non svolgono mansioni predeterminate ma sono periodicamente assegnati a diversi settori dell'azienda.

La rotazione dei dipendenti in diverse posizioni consente di avere un grado conoscenza più ampio su tutte le varie fasi del processo produttivo aziendale con una visione globale dei problemi che potrebbero insorgere sia a livello di relazioni umane che a livello produttivo.

Job search theory

È una locuzione utilizzata per indicare il modello di analisi economica sul funzionamento del mercato del lavoro.

IL modello è stato sviluppato sulla teoria della disoccupazione volontaria e consente di determinare le classi di persone in base al minimo di salario che sarebbero disposti a prendere per svolgere una mansione, cioè sotto la soglia minima non accettano le offerte di lavoro.

La teoria affronta la ricerca dell'impiego come un problema di ottimizzazione comparando, di volta in volta, i costi sostenuti con i mancati guadagni in base ai seguenti scenari:

  • disoccupazione di attesa: ciascun individuo cerca di massimizzare la propria utilità suddividendo l'ammontare di tempo a sua disposizione fra tempo di lavoro e tempo libero; se il salario reale di mercato è inferiore al saggio marginale di sostituzione fra lavoro e tempo libero, l'individuo attenderà di trovare una nuova occupazione a condizioni migliori in un periodo successivo;
  • disoccupazione di ricerca: la ricerca terminerà quando le offerte di lavoro sono pari alle aspettative dell'individuo: l'informazione degli annunci di lavoro, come qualsiasi altro bene economico sia una risorsa scarsa il cui uso comporta dei costi. Coloro che sono alla ricerca di un impiego possono giudicare razionale essere «temporaneamente» disoccupati ed impiegare il proprio tempo nella ricerca di informazioni di lavoro ma col passare del tempo, il costo della ricerca aumenta e, contemporaneamente, il livello di aspettativa del salario diminuisce.

Jobs act

È una locuzione utilizzata per identificare la riforma del diritto del lavoro che mirava a dare più flessibilità al mercato del lavoro.

La riforma era stata sviluppata sui seguenti punti:

  • contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti a garanzia del lavoratore;
  • procedere al licenziamento senza giusta causa da parte dell'azienda;
  • applicazione dell'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori dal terzo anno di assunzione;
  • risarcimento al lavoratore nel caso di licenziamento entro i primi tre anni;
  • rimodulazione dei contratti e dei rapporti di lavoro;
  • la creazione del NASpI (Nuova Assicurazione Sociale per Impiego);
  • introduzione della DIS-COLL (DISoccupazione COLLaboratori);
  • introduzione dell'ASDI (ASsegno DIsoccupazione);
  • piano di incentivi e decontribuzione per le assunzioni a tempo indeterminato.

Joint venture

È una locuzione utilizzata per indicare i rapporti commerciali con cui due o più imprese si accordano per collaborare per raggiungere un determinato scopo o all’esecuzione di un progetto.

L'OMC (Organizzazione Mondiale Commercio) ha deciso di agevolare queste collaborazioni tra le società miste di medio-piccole imprese transnazionali predisponendo un testo di contratto tipo.

Jus variandi

È una locuzione utilizzata in alcuni contratti commerciali per indicare ai clienti che il fornitore del servizio può modificare alcune condizioni contrattuali anche dopo la conclusione del contratto, ossia durante la sua esecuzione.

La modifica ha effetto nei confronti di tutti gli altri contraenti senza che sia necessario un nuovo accordo tra le parti del contratto.

Just in time

È una locuzione utilizzata per indicare il principio sul quale si basa la teoria di organizzazione produttiva secondo la quale, per minimizzare gli sprechi di tempo lungo il ciclo di lavorazione e gli oneri aggiuntivi di produzione (connessi alle strutture, alle attrezzature, al personale occorrenti per gestire le scorte), i materiali e i componenti devono pervenire al momento opportuno sulla linea di produzione evitando il più possibile le attese.

I principali obiettivi di questo sistema produttivo di non avere le scorte (niente stock in magazzino), niente soste (nessuna interruzione della catena produttiva), produzione omogenea di prodotto per ridurre in tempi dei passaggi in macchina tra un prodotto e l'altro, ridurre al minimo e risolvere tempestivamente i problemi della catena produttiva (problem solving), effettuare controlli ad ogni passaggio della catena produttiva per eliminare i prodotti difettosi per evitare sprechi e massimizzare la produzione.