Passa al contenuto principale

Caparra

È una somma di denaro, o una quantità d'altre cose fungibili versata a titolo di reciproca e mutuale garanzia, elargita a garanzia del compimento futuro di un'operazione oppure come corrispettivo per il caso di recesso o inadempienza contrattuale (in questo caso è più corretto parlare di penale) dal contratto ed è materia di diritto civile.

Il versamento della caparra viene effettuato dal tradens (termine utilizzato in materia di diritto civile) come impegno a non recedere il contratto stipulato con l'accipiens (termine utilizzato in materia di diritto civile) quindi, il concetto di caparra, molte volte costituisce una garanzia generica all'inadempimento oppure una sorta di indennizzo.

La caparra può essere:

  • Caparra confirmatoria (art. 1385 del codice civile);
  • Caparra penitenziale (art. 1386 del codice civile);
  • Caparra e diritto di recesso (art. 67 del d.lgs. n. 206/2005 del Codice del consumo).

La caparra versata a titolo di garanzia contro l'inadempimento non è soggetta all'IVA (Imposta sul Valore Aggiunto); sarà assoggettata all'imposizione fiscale quando diverrà a tutti gli effetti parte del pagamento, quindi al buon fine del negozio.