Passa al contenuto principale

Cluetrain

The Cluetrain Manifesto

È il manifesto d'intenti che raccoglie 95 tesi che invitano tutte le imprese ad agire nel WWW (World Wide Web) con l'obiettivo esplicito di esaminare il loro impatto sia sui mercati (consumatori) che sulle organizzazioni perché le pratiche di marketing si differiscono da quelle applicate ai media tradizionali.

Le seguenti 95 tesi presenti nel manifesto (prima versione) richiamano le tesi di Martin Lutero (Disputatio pro declaratione virtutis indulgentiarum) in cui affrontava il rapporto tra i mercati e le persone:

  1. I mercati sono conversazioni;
  2. I mercati sono costituiti da esseri umani, non da settori demografici;
  3. Le conversazioni tra esseri umani suonano umane. Sono condotti in un essere umano voce;
  4. Sia che si tratti di fornire informazioni, opinioni, prospettive, argomenti dissenzienti o a parte l'umorismo, la voce umana è tipicamente aperta, naturale, spontanea;
  5. Le persone si riconoscono come tali dal suono di questa voce;
  6. Internet consente conversazioni tra esseri umani che semplicemente non esistevano possibile nell’era dei mass media;
  7. I collegamenti ipertestuali sovvertono la gerarchia;
  8. Sia nei mercati interconnessi che tra i dipendenti intranet worked, le persone lo sono parlando tra loro in un modo nuovo e potente;
  9. Queste conversazioni in rete stanno consentendo nuove e potenti forme di organizzazione sociale e lo scambio di conoscenze per emergere;
  10. Di conseguenza, i mercati stanno diventando più intelligenti, più informati e più organizzati. Partecipazione in un mercato interconnesso cambia radicalmente le persone.
  11. Le persone nei mercati in rete hanno capito che ottengono informazioni molto migliori e supporto reciproco che da parte dei fornitori. Questo per quanto riguarda la retorica aziendale su aggiungere valore ai prodotti mercificati;
  12. Non ci sono segreti. Il mercato interconnesso ne sa più delle aziende i propri prodotti. E che la notizia sia buona o cattiva, lo dicono a tutti;
  13. Ciò che sta accadendo ai mercati sta accadendo anche ai dipendenti. Un metafisico Il costrutto chiamato "The Company" è l'unica cosa che si frappone tra i due;
  14. Le aziende non parlano con la stessa voce di queste nuove conversazioni in rete; Al pubblico online a cui si rivolgono, le aziende sembrano vuote, piatte, letteralmente disumane;
  15. Nel giro di pochi anni, l'attuale "voce" omogenea del business: il suono di dichiarazioni di missione e opuscoli sembreranno artificiosi e artificiali come il lingua della corte francese del XVIII secolo;
  16. Lo sono già le aziende che parlano la lingua del campo, lo spettacolo di cani e pony senza parlare più con nessuno;
  17. Le aziende che presumono che i mercati online siano gli stessi mercati che guardavano i loro le pubblicità in televisione si illudono;
  18. Le aziende che non si rendono conto dei propri mercati sono ora collegate in rete da persona a persona, ottenendo di conseguenza più intelligenti e profondamente coinvolti nella conversazione perdono la loro migliore opportunità;
  19. Le aziende possono ora comunicare direttamente con i loro mercati. Se lo fanno saltare, potrebbe essere la loro ultima possibilità;
  20. Le aziende devono rendersi conto che i loro mercati spesso ridono. A loro;
  21. Le aziende devono alleggerirsi e prendersi meno sul serio. Hanno bisogno di ottenere un senso dell'umorismo;
  22. Avere senso dell'umorismo non significa mettere qualche battuta sul sito web aziendale; Richiede piuttosto grandi valori, un po’ di umiltà, parole schiette e un punto di vista genuino;
  23. Le aziende che tentano di "posizionarsi" devono prendere posizione. In modo ottimale, esso dovrebbero riguardare qualcosa a cui il loro mercato realmente interessa;
  24. Le ampollose vanterie: "Siamo posizionati per diventare il principale fornitore di XYZ" non costituiscono una posizione;
  25. Le aziende devono scendere dalle loro Torri d'Avorio e parlare con le persone con cui sperano di creare relazioni;
  26. Le pubbliche relazioni non riguardano il pubblico. Le aziende hanno profondamente paura dei loro mercati;
  27. Parlando in un linguaggio distante, poco invitante, arrogante, costruiscono muri da mantenere mercati a bada;
  28. La maggior parte dei programmi di marketing si basano sulla paura che il mercato possa vedere ciò che realmente è che succede all'interno dell'azienda;
  29. Elvis l'ha detto meglio: "Non possiamo andare avanti insieme con menti sospettose";
  30. La fedeltà alla marca è la versione aziendale della stabilità, ma la rottura è inevitabile e arrivando velocemente. Poiché sono collegati in rete, i mercati intelligenti sono in grado di rinegoziare relazioni con una velocità accecante;
  31. I mercati interconnessi possono cambiare fornitori da un giorno all’altro. I lavoratori della conoscenza in rete possono farlo cambiare datore di lavoro durante il pranzo. Le vostre "iniziative di ridimensionamento" ci hanno insegnato a chiedere il domanda: "Lealtà? Che cos'è?";
  32. I mercati intelligenti troveranno fornitori che parlano la loro stessa lingua;
  33. Imparare a parlare con voce umana non è un trucco da salotto. Non può essere "ritirato" a qualche conferenza di Tony;
  34. Per parlare con voce umana, le aziende devono condividere le loro preoccupazioni comunità;
  35. Ma prima devono appartenere ad una comunità;
  36. Le aziende devono chiedersi dove finisce la loro cultura aziendale;
  37. Se le loro culture finiscono prima che inizi la comunità, non avranno mercato;
  38. Le comunità umane si basano sul discorso, sul discorso umano sull'uomo preoccupazioni;
  39. La comunità di discorso è il mercato;
  40. Le aziende che non appartengono a una comunità di discorso moriranno;
  41. Le aziende fanno della sicurezza una religione, ma questa è in gran parte una falsa pista. La maggior parte sono proteggersi meno dai concorrenti che dal proprio mercato e dalla propria forza lavoro;
  42. Come nei mercati interconnessi, anche le persone comunicano tra loro direttamente all'interno azienda, e non solo su norme e regolamenti, direttive del consiglio di amministrazione, profitti;
  43. Tali conversazioni si svolgono oggi sulle intranet aziendali. Ma solo quando il le condizioni sono giuste;
  44. Le aziende in genere installano intranet dall'alto verso il basso per distribuire politiche relative alle risorse umane e altro informazioni aziendali che i lavoratori fanno del loro meglio per ignorare;
  45. Le Intranet tendono naturalmente a aggirare la noia. I migliori sono costruiti dal basso verso l'alto individui impegnati che cooperano per costruire qualcosa di molto più prezioso: un conversazione aziendale intranet work;
  46. Una intranet sana organizza i lavoratori in molti significati della parola. Il suo effetto è maggiore radicale rispetto all’agenda di qualsiasi sindacato;
  47. Sebbene ciò spaventi a morte le aziende, esse dipendono anche fortemente dalle intranet aperte generare e condividere conoscenza critica. Devono resistere alla tentazione di "migliorare" o controllare queste conversazioni in rete;
  48. Quando le intranet aziendali non sono vincolate dalla paura e dalle regole legalistiche, il tipo di la conversazione che incoraggiano assomiglia notevolmente alla conversazione della rete mercato;
  49. Gli organigrammi funzionavano in un’economia più vecchia da cui i piani potevano essere pienamente compresi in cima a ripide piramidi gestionali si potevano trasmettere ordini di lavoro dettagliati in alto;
  50. Oggi l’organigramma è iperlinkato e non gerarchico. Rispetto per la conoscenza pratica vince sul rispetto dell’autorità astratta;
  51. Gli stili di gestione di comando e controllo derivano e rafforzano la burocrazia, inciampi di potere e una cultura generale di paranoia;
  52. La paranoia uccide la conversazione. Questo è il punto. Ma la mancanza di una conversazione aperta uccide aziende;
  53. Ci sono due conversazioni in corso. Uno interno all'azienda. Uno con il mercato;
  54. Nella maggior parte dei casi, nessuna delle due conversazioni sta andando molto bene. Quasi invariabilmente, la causa di il fallimento può essere ricondotto a nozioni obsolete di comando e controllo;
  55. Come politica, queste nozioni sono velenose. Come strumenti, sono rotti. Comando e Il controllo incontra ostilità da parte dei lavoratori della conoscenza intranetwork e genera sfiducia nei mercati interconnessi;
  56. Queste due conversazioni vogliono parlarsi. Stanno parlando lo stesso lingua. Riconoscono la voce dell'altro;
  57. Le aziende intelligenti si faranno da parte e faranno sì che l’inevitabile accada prima;
  58. Se la volontà di togliersi di mezzo viene presa come misura del QI, allora molto scarsa le aziende hanno ancora preso coscienza;
  59. Tuttavia, al momento, milioni di persone online percepiscono le aziende a livello subliminale come poco più che bizzarre finzioni legali che impediscono attivamente queste conversazioni dall'intersecare;
  60. Questo è un suicidio. I mercati vogliono parlare con le aziende;
  61. Purtroppo, la parte dell'azienda con cui un mercato interconnesso vuole parlare è solitamente nascosta dietro una cortina di fumo di imbonitore, di un linguaggio che suona falso – e spesso lo è;
  62. I mercati non vogliono parlare con gli antiquati e gli imbonitori. Vogliono partecipare al conversazioni in corso dietro il firewall aziendale;
  63. De-occultamento, andando sul personale: quei mercati siamo noi. Vogliamo parlare con te;
  64. Vogliamo avere accesso alle tue informazioni aziendali, ai tuoi piani e strategie, al meglio pensando, la tua conoscenza genuina. Non ci accontenteremo della brochure in 4 colori, per il web siti pieni zeppi di piacere per gli occhi ma privi di sostanza;
  65. Siamo anche i lavoratori che fanno andare avanti le vostre aziende. Vogliamo parlare con i clienti direttamente con le nostre voci, non con luoghi comuni scritti in una sceneggiatura;
  66. Come mercati, come lavoratori, siamo entrambi stufi da morire di dover ottenere le nostre informazioni telecomando. Perché abbiamo bisogno di relazioni annuali senza volto e di un mercato di terza mano studi di ricerca per presentarci gli uni agli altri?;
  67. Come mercati, come lavoratori, ci chiediamo perché non state ascoltando. Sembra che tu stia parlando una lingua diversa;
  68. Il gergo esagerato e presuntuoso che spargi in giro - sulla stampa, alle tue conferenze - cosa c'entra questo con noi?;
  69. Forse stai impressionando i tuoi investitori. Forse stai impressionando Wall Street. Tu sei non ci impressiona;
  70. Se non ci impressioni, i tuoi investitori si faranno un bagno. Non capiscono. Questo? Se lo facessero, non ti lascerebbero parlare in quel modo;
  71. Le tue stanche nozioni di "mercato" ci fanno velare gli occhi. Non riconosciamo noi stessi nelle tue proiezioni, forse perché sappiamo che siamo già altrove;
  72. Ci piace molto di più questo nuovo mercato. In effetti, lo stiamo creando;
  73. Sei invitato, ma è il nostro mondo. Togliti le scarpe alla porta. Se vuoi barattare con noi, scendi da quel cammello!;
  74. Siamo immuni dalla pubblicità. Lascia perdere;
  75. Se vuoi che ti parliamo, dicci qualcosa. Rendilo qualcosa di interessante per a modifica;
  76. Abbiamo alcune idee anche per te: alcuni nuovi strumenti di cui abbiamo bisogno, qualche servizio migliore. Cose saremmo disposti a pagare. Avere un minuto?;
  77. Sei troppo occupato a "fare affari" per rispondere alle nostre email? Oh Dio, scusa, cavolo, verremo tornare più tardi. Forse;
  78. Vuoi che paghiamo? Vogliamo che tu presti attenzione;
  79. Vogliamo che tu abbandoni il tuo viaggio, esca dal tuo coinvolgimento nevrotico e ti unisca alla festa;
  80. Non preoccuparti, puoi ancora fare soldi. Cioè, purché non sia l'unica cosa sul tuo mente;
  81. Hai notato che, di per sé, il denaro è unidimensionale e noioso? Che cosa altro di cui possiamo parlare?;
  82. Il tuo prodotto si è rotto. Perché? Vorremmo chiedere al ragazzo che l'ha realizzato. La tua azienda la strategia non ha senso. Ci piacerebbe fare una chiacchierata con il tuo CEO. Cosa intendi lei non c'è?;
  83. Vogliamo che tu prenda 50 milioni di noi con la stessa serietà con cui prendi un giornalista di Wall Street Journal;
  84. Conosciamo alcune persone della tua azienda. Sono piuttosto interessanti online. Hai qualche è più così che ti nascondi? Possono uscire e giocare?;
  85. Quando abbiamo domande ci rivolgiamo gli uni agli altri per avere risposte. Se non avessi un simile tenere sotto controllo la "tua gente", forse loro sarebbero tra le persone a cui ci rivolgeremmo;
  86. Quando non siamo impegnati a essere il tuo "mercato di riferimento", molti di noi sono la tua gente. Lo faremmo preferisco parlare con gli amici online piuttosto che guardare l'orologio. Prenderebbe il tuo nome; meglio del tuo intero sito web da un milione di dollari. Ma ce lo dici parlando con il il mercato è il lavoro del marketing;
  87. Ci piacerebbe se sapessi cosa sta succedendo qui. Sarebbe davvero carino. Ma sarebbe un grosso risultato errore pensare che stiamo trattenendo il fiato;
  88. Abbiamo di meglio da fare che preoccuparci se cambierai in tempo per ottenere il nostro Attività commerciale. Gli affari sono solo una parte della nostra vita. Sembra essere tutto tuo. Pensaci: chi ha bisogno di chi?;
  89. Abbiamo un potere reale e lo sappiamo. Se non vedi la luce, lo farà qualche altro outfit vieni che è più attento, più interessante, più divertente con cui giocare;
  90. Anche nel peggiore dei casi, la nostra nuova conversazione è più interessante della maggior parte delle fiere, più divertente di qualsiasi sitcom televisiva e sicuramente più realistica di quella aziendale siti web che abbiamo visto;
  91. La nostra fedeltà è verso noi stessi: i nostri amici, i nostri nuovi alleati e conoscenti, anche i nostri sparring partner. Anche le aziende che non fanno parte di questo mondo non hanno futuro;
  92. Le aziende stanno spendendo miliardi di dollari per l’anno 2000. Perché non riescono a sentire questo mercato ticchettio della bomba a orologeria? La posta in gioco è ancora più alta;
  93. Siamo sia all'interno che all'esterno delle aziende. I confini che separano il nostro le conversazioni oggi assomigliano al muro di Berlino, ma in realtà sono solo un fastidio. Noi sappi che stanno scendendo. Lavoreremo da entrambe le parti per abbatterli;
  94. Per le aziende tradizionali, le conversazioni in rete possono apparire confuse, possono suonare confuso. Ma noi ci stiamo organizzando più velocemente di loro. Abbiamo strumenti migliori, più nuovi idee, nessuna regola che ci rallenti;
  95. Ci stiamo svegliando e collegandoci gli uni agli altri. Stiamo guardando. Ma non stiamo aspettando.

L’idea di partenza vede il BAU (Business As Usual) come una forma di conversazione naturale tra persone in cui l'estetica è più importante dell’ingegneria.

La conversazione viene posta in questo modo alla base del business dove le persone comunicano in un linguaggio naturale, aperto, onesto, diretto, divertente e spesso scioccante con un tono di voce genuino e non con false rassicurazioni prive di senso o un linguaggio composto di sterili chiacchiere talvolta insultano l’intelligenza di chi ascolta.

Nel 2015 è stato aggiornato e chiamato New Clues al suo interno ci sono 121 tesi:

  1. Internet non è fatta di fili di rame, fibra di vetro, onde radio e nemmeno tubi;
  2. I dispositivi che utilizziamo per connetterci a Internet non sono Internet;
  3. Verizon, Comcast, AT&T, Deutsche Telekom e 中国电信 non possiedono Internet. Facebook, Google e Amazon non sono i monarchi della Rete, né lo sono i loro servi o i loro algoritmi. Né i governi della Terra né le loro associazioni di categoria hanno il consenso di coloro che sono in rete per governare la Rete come sovrani;
  4. Teniamo Internet in comune e senza proprietà;
  5. Da noi e da ciò che su di essa abbiamo costruito Internet trae tutto il suo valore;
  6. La Rete è di noi, da noi e per noi;
  7. Internet è nostro;
  8. Internet non è una cosa più di quanto lo sia la gravità. Entrambi ci uniscono;
  9. Internet non è assolutamente niente. Alla base di Internet c'è un insieme di accordi, che i geni tra noi (che i loro nomi siano santificati a lungo) chiamano protocolli", ma che noi potremmo, con l'umore del giorno, chiamare "comandamenti";
  10. Il primo di questi è: la tua rete sposterà tutti i pacchetti più vicino alle loro destinazioni senza favori o ritardi in base all'origine, alla fonte, al contenuto o all'intento;
  11. In questo modo questo Primo Comandamento apre Internet a ogni idea, applicazione, business, ricerca, vizio e quant'altro;
  12. Non esisteva uno strumento con uno scopo così generale dai tempi del linguaggio;
  13. Ciò significa che Internet non serve a niente in particolare. Non per i social network, non per i documenti, non per la pubblicità, non per gli affari, non per l'istruzione, non per il porno, per niente. È specificamente progettato per tutto;
  14. Ottimizzare Internet per uno scopo lo deottimizza per tutti gli altri;
  15. Internet, come la gravità, esercita un'attrazione indiscriminata. Ci unisce tutti, sia i virtuosi che i malvagi;
  16. Ci sono ottimi contenuti su Internet. Ma santa madre dei formaggi, Internet non è fatta di contenuti;
  17. La prima poesia di un adolescente, la felice liberazione di un segreto a lungo custodito, un bel disegno disegnato da una mano paralizzata, un post su un blog in un regime che odia il suono delle voci della sua gente: nessuna di queste persone si è seduta per scrivere contenuti;
  18. Abbiamo usato la parola "contenuto" senza virgolette? Ci sentiamo così sporchi;
  19. La Rete non è un mezzo più di quanto lo sia una conversazione;
  20. In Rete il mezzo siamo noi. Siamo noi a muovere i messaggi. Lo facciamo ogni volta che pubblichiamo o ritwittiamo, inviamo un collegamento in un'e-mail o lo pubblichiamo su un social network;
  21. A differenza di un mezzo, tu ed io lasciamo le nostre impronte digitali, e talvolta segni di morsi, sui messaggi che trasmettiamo. Diciamo alla gente perché lo stiamo inviando. Ne discutiamo. Aggiungiamo una battuta. Eliminiamo la parte che non ci piace. Facciamo nostri questi messaggi;
  22. Ogni volta che spostiamo un messaggio in rete, esso porta con sé un po' di noi stessi;
  23. Spostiamo un messaggio attraverso questo "mezzo" solo se è importante per noi in uno degli infiniti modi in cui gli esseri umani si preoccupano di qualcosa;
  24. La cura, l’importanza, è la forza motrice di Internet;
  25. Nel 1991, Tim Berners-Lee ha utilizzato la Rete per creare un dono che ha offerto gratuitamente a tutti noi: il World Wide Web. Grazie;
  26. Tim ha creato il Web fornendo protocolli (c'è di nuovo quella parola!) che dicono come scrivere una pagina che possa collegarsi a qualsiasi altra pagina senza bisogno del permesso di nessuno;
  27. Boom. Nel giro di dieci anni avevamo miliardi di pagine sul Web: uno sforzo congiunto dell’ordine di una guerra mondiale, eppure così benevolo che la lamentela più grande era il tag <blink>;
  28. Il Web è un regno incredibilmente vasto e semi-persistente di elementi individuabili nelle loro fitte interconnessioni;
  29. Sembra familiare. Oh, sì, il mondo è così;
  30. A differenza del mondo reale, ogni cosa e ogni connessione sul Web è stata creata da qualcuno di noi che ha espresso interesse e un'ipotesi su come questi piccoli pezzi stanno insieme;
  31. Ogni collegamento di una persona con qualcosa da dire è un atto di generosità e altruismo, che invita i nostri lettori a lasciare la nostra pagina per vedere come appare il mondo a qualcun altro;
  32. Il Web rifà il mondo secondo la nostra immagine collettiva ed emergente;
  33. È importante notare e apprezzare le chiacchiere, l'amicizia, i mille atti di simpatia, gentilezza e gioia che incontriamo su Internet;
  34. Eppure sentiamo le parole "frocio" e "negro" molto più in Rete che altrove;
  35. La demonizzazione di “loro” – persone con aspetto, linguaggio, opinioni, appartenenze e altri gruppi che non comprendiamo, non ci piacciono o non tolleriamo – è peggiore che mai su Internet;
  36. Le donne in Arabia Saudita non possono guidare? Nel frattempo, la metà di noi non può parlare in Rete senza guardarsi le spalle;
  37. L'odio è presente in Rete perché è presente nel mondo, ma la Rete rende più facile esprimerlo e ascoltarlo;
  38. La soluzione: se avessimo una soluzione, non vi disturberemmo con tutti questi dannati indizi;
  39. Possiamo dire questo: l’odio non ha dato vita alla Rete, ma sta trattenendo la Rete – e noi – indietro;
  40. Riconosciamo almeno che la Rete ha dei valori impliciti in essa. Valori umani;
  41. Vista freddamente la Rete è solo tecnologia. Ma è popolato da creature affettuose con ciò a cui tengono: le loro vite, i loro amici, il mondo che condividiamo;
  42. La Rete ci offre un luogo comune dove possiamo essere quello che siamo, con altri che apprezzano le nostre differenze;
  43. Nessuno possiede quel posto. Tutti possono usarlo. Chiunque può migliorarlo;
  44. Questo è ciò che è una Internet aperta. Le guerre sono state combattute per molto meno;
  45. Il mondo si estende davanti a noi come un buffet, eppure continuiamo a mangiare bistecca e patate, agnello e hummus, pesce e riso o qualsiasi altra cosa;
  46. Lo facciamo in parte perché la conversazione richiede un terreno comune: linguaggio condiviso, interessi, norme, comprensioni. Senza questi, è difficile o addirittura impossibile avere una conversazione;
  47. I terreni condivisi generano tribù. Il solido terreno della Terra manteneva le tribù a distanza, consentendo loro di sviluppare ricche differenze. Rallegrarsi! Le tribù danno origine a Noi contro Loro e alla guerra. Rallegrarsi? Non così tanto;
  48. Su Internet la distanza tra le tribù parte da zero;
  49. Apparentemente sapere come trovarsi interessanti non è così facile come sembra;
  50. Questa è una sfida che possiamo affrontare essendo aperti, comprensivi e pazienti. Possiamo farcela, squadra! Siamo il numero 1! Siamo il numero 1!;
  51. Essere accoglienti: c'è un valore che la Rete deve imparare dal meglio delle nostre culture del mondo reale;
  52. Avevamo ragione la prima volta : i mercati sono conversazioni;
  53. Una conversazione non è affar tuo tirarci la manica per vendere un prodotto di cui non vogliamo sentir parlare;
  54. se vogliamo sapere la verità sui vostri prodotti, lo scopriremo l'uno dall'altro;
  55. Comprendiamo che queste conversazioni sono incredibilmente preziose per te. Peccato. Sono nostri;
  56. Puoi partecipare alla nostra conversazione, ma solo se ci dici per chi lavori e se puoi parlare per te stesso e come te stesso;
  57. Ogni volta che ci chiamate "consumatori" ci sentiamo come mucche che cercano la parola "carne";
  58. Smettila di fratturare le nostre vite per estrarre dati che non sono affari tuoi e che le tue macchine interpretano male;
  59. Non preoccuparti: te lo diremo quando saremo alla ricerca di qualcosa. A modo nostro. Non tuo. Fidati di noi: questo ti farà bene;
  60. Le pubblicità che sembrano umane ma provengono dalle viscere irritabili del tuo reparto marketing, macchiano il tessuto del Web;
  61. Quando personalizzare qualcosa è inquietante, è un buon segno che non capisci cosa significa essere una persona;
  62. Il personale è umano. Personalizzato non lo è;
  63. Più le macchine sembrano umane, più scivolano nella valle misteriosa dove tutto è uno spettacolo inquietante;
  64. Inoltre: per favore, smettila di mascherare le pubblicità come notizie, nella speranza che ci perdiamo il piccolo disclaimer che pende dalle loro mutande;
  65. Quando inserisci un " annuncio nativo ", stai erodendo non solo la tua affidabilità, ma l'affidabilità di questo nuovo modo di stare insieme;
  66. E, a proposito, che ne dici di chiamare gli "annunci nativi" con uno dei loro veri nomi: "inserimento di prodotti", "pubbliredazionale" o "false fottute notizie"?;
  67. Gli inserzionisti se la sono cavata senza essere inquietanti per generazioni. Possono andare d'accordo senza essere inquietanti anche in Rete;
  68. Tutti noi amiamo le nostre scintillanti app, anche quando sono sigillate ermeticamente come una base lunare. Ma metti insieme tutte le app chiuse del mondo e avrai una montagna di app;
  69. Metti insieme tutte le pagine Web e avrai un nuovo mondo;
  70. Le pagine Web riguardano la connessione. Le app riguardano il controllo;
  71. Passando dal Web a un mondo basato sulle app, perdiamo i beni comuni che stavamo costruendo insieme;
  72. Nel Regno delle App siamo utenti, non creatori;
  73. Ogni nuova pagina rende il Web più grande. Ogni nuovo collegamento rende il Web più ricco;
  74. Ogni nuova app ci offre qualcos'altro da fare sull'autobus;
  75. Ahi, un colpo basso!;
  76. Ehi, "CheapShot" sarebbe una nuova fantastica app! C'è scritto "acquisto in-app" dappertutto;
  77. Le applicazioni non neutrali costruite sulla Rete neutrale stanno diventando inevitabili quanto l’attrazione di un buco nero;
  78. Se Facebook è la tua esperienza della Rete, allora ti sei allacciato gli occhiali di un'azienda con la responsabilità fiduciaria di impedirti di toglierti gli occhiali.
  79. Google, Amazon, Facebook, Apple sono tutti nel settore degli occhiali. La più grande verità che i loro occhiali oscurano: queste aziende vogliono trattenerci nello stesso modo in cui i buchi neri trattengono la luce;
  80. Queste singolarità aziendali sono pericolose non perché siano malvagie. Molti di loro infatti si impegnano in un comportamento decisamente civico. Dovrebbero essere applauditi per questo;
  81. Ma traggono beneficio dalla gravità della socialità: l’”effetto rete” è quella cosa per cui molte persone usano qualcosa perché molte persone lo usano;
  82. Laddove non esistono alternative competitive, dobbiamo essere estremamente vigili per ricordare a questi Titani della Valle i valori che li hanno ispirati per primi;
  83. E poi dobbiamo onorare il suono che produciamo quando qualcuno di noi si allontana coraggiosamente da loro. È qualcosa a metà tra il rumore di un razzo che lascia la piattaforma di lancio e lo strappo del velcro quando slacci un indumento troppo stretto;
  84. Ok, governo, hai vinto tu. Hai i nostri dati. Ora, cosa possiamo fare per assicurarci che lo usiate contro di Loro e non contro di Noi? In effetti, riesci a notare la differenza?;
  85. Se vogliamo che il nostro governo faccia marcia indietro, l’accordo deve essere che se – quando – arriverà il prossimo attacco, non possiamo lamentarci del fatto che avrebbero dovuto sorvegliarci più duramente;
  86. Uno scambio non è un commercio equo se non sappiamo a cosa stiamo rinunciando. Hai sentito, compromesso tra sicurezza e privacy?;
  87. Con una probabilità che si avvicina alla certezza assoluta, ci pentiremo di non aver fatto di più per tenere i dati fuori dalle mani dei nostri governi e dei padroni aziendali;
  88. La privacy personale va bene per chi la desidera. E tutti tracciamo un limite da qualche parte;
  89. D: Quanto tempo pensi che ci sia voluto perché la cultura pre-Web capisse dove tracciare i limiti? A: Quanti anni ha la cultura?;
  90. Il Web è appena uscito dall'adolescenza. Siamo all’inizio, non alla fine, della storia della privacy;
  91. Possiamo capire cosa significa essere privato solo quando capiamo cosa significa essere sociale. E abbiamo appena iniziato a reinventarlo;
  92. Gli incentivi economici e politici a toglierci i pantaloni e ad alzarci la gonna sono così forti che sarebbe saggio investire in biancheria intima di carta stagnola;
  93. Gli hacker ci hanno portato in questa situazione e gli hacker dovranno tirarci fuori;
  94. Internet è sorprendente . Il Web è fantastico. Sei bello. Collegaci tutti e saremo più incredibilmente sorprendenti di Jennifer Lawrence. Questi sono fatti semplici;
  95. Quindi non minimizziamo ciò che la Rete ha fatto negli ultimi vent'anni;
  96. C'è molta più musica al mondo;
  97. Oggi creiamo gran parte della nostra cultura per noi stessi, con incursioni occasionali in un cinema per qualcosa di stravagante e un sacchetto di popcorn da 9 dollari;
  98. I politici ora devono spiegare le loro posizioni ben oltre i “documenti di posizione” di una pagina che usavano ciclostilare;
  99. Tutto ciò che non capisci puoi trovare una spiegazione. E una discussione su. E la discussione è finita. Non è chiaro quanto sia fantastico?;
  100. Vuoi sapere cosa comprare? Il business che rende un oggetto del desiderio è oggi la peggiore fonte di informazioni a riguardo. La fonte migliore siamo tutti noi;
  101. Vuoi ascoltare un corso di livello universitario su qualcosa che ti interessa? Google il tuo argomento. Fai la tua scelta. Gratuito;
  102. Sì, Internet non ha risolto tutti i problemi del mondo. Per questo l'Onnipotente ci ha dato degli asini: affinché potessimo liberarcene;
  103. Gli oppositori di Internet ci mantengono onesti. Semplicemente ci piacciono di più quando non sono ingrati;
  104. Stavamo per dirti come sistemare Internet in quattro semplici passaggi, ma l'unico che potremmo ricordare è l'ultimo: profitto . Quindi, invece, ecco alcuni pensieri casuali;
  105. Dovremmo sostenere gli artisti e i creatori che ci danno gioia o alleviano i nostri fardelli;
  106. Dovremmo avere il coraggio di chiedere l’aiuto di cui abbiamo bisogno;
  107. Abbiamo una cultura che si basa sulla condivisione e leggi che si basano sul diritto d'autore. Il copyright ha il suo posto, ma in caso di dubbio, aprilo;
  108. Nel contesto sbagliato, tutti sono degli stronzi. (Anche noi. Ma lo sapevi già.) Quindi, se inviti le persone a fare una nuotata, pubblica le regole. Tutti i troll, fuori dalla piscina!;
  109. Se le conversazioni sul tuo sito vanno male, è colpa tua;
  110. Ovunque si svolga la conversazione, nessuno ti deve una risposta, non importa quanto sia ragionevole la tua argomentazione o quanto sia accattivante il tuo sorriso;
  111. Sostieni le aziende che "comprendono" veramente il Web. Li riconoscerai non solo perché sembrano noi, ma perché sono dalla nostra parte;
  112. Certo, le app offrono una bella esperienza. Ma il Web è fatto di collegamenti che ci raggiungono costantemente, collegandoci senza fine. Per le vite e le idee, il completamento è la morte. Scegli la vita;
  113. La rabbia è una licenza per essere stupidi. Le strade di Internet sono già affollate di conducenti con patente;
  114. Vivi i valori che desideri che Internet promuova;
  115. Se parlate da un po', state zitti. (Lo faremo molto presto.);
  116. Se ci siamo concentrati sul ruolo del Popolo della Rete – voi e noi – nella caduta in disgrazia di Internet, è perché abbiamo ancora la fede con cui siamo arrivati;
  117. Noi, il Popolo della Rete, non riusciamo a immaginare quanto possiamo fare insieme perché siamo lontani dall’aver finito di inventare come stare insieme;
  118. Internet ha liberato una forza antica: la gravità che ci unisce;
  119. La gravità della connessione è l’amore;
  120. Lunga vita a Internet aperta;
  121. A lungo potremo avere la nostra Internet da amare;