Sistema di Interscambio

Canale di invio e ricezione accreditato SdI

Telefono

+39 06-40402261

 

Principio di cassa

dizionario di contabilità

Per Principio di Cassa si fa riferimento ad un criterio di imputazione dei costi e dei ricavi all’interno del bilancio. Si differisce – anzi è il suo contrario – dal principio di competenza in quanto tramite tale principio è possibile imputare solo i costi ed i ricavi che sono stati effettivamente incassati o pagati.

 

Principio di cassa: cos’è?

 

Per semplificare la spiegazione non ci limiteremo a dare una definizione asettica del principio di cassa ma approfondiremo attraverso un esempio pratico. Abbiamo già indicato che per criterio di cassa di fa riferimento all’imputazione dei costi e dei ricavi, pagati e ottenuti durante un anno solare.

 

All’interno di un’anno solare i costi o i ricavi non vengono saldati all’emissione della fattura, anzi capita spesso che delle fatture datate l’anno precedente, vengano saldate il successivo; tuttavia l’imputazione dei costi e dei ricavi entrerà comunque all’interno del bilancio.

 

 

Adottando il principio di cassa – rispetto al principio di competenza – vengono imputate le sole registrazioni che hanno avuto una manifestazione finanziaria, cioè solo ciò che ha movimentato del denaro. Di conseguenza se una fattura emessa il giorno 31 dicembre non viene pagata questa non viene aggiunta al bilancio annuale.

 

Tale modalità di registrazione rappresenta una semplificazione molto importante, in quanto oltre a snellire il bilancio permette di pagare le imposte dopo aver ottenuto i pagamenti delle fatture emesse. Infatti come indica l’Agenzia delle Entrate:

 

Il regime Iva per cassa (c.d. “cash accounting”), introdotto dall‘articolo 32-bis del Dl 83/2012, consente all’imprenditore o al lavoratore autonomo di posticipare il versamento dell’imposta sulle cessioni di beni e le prestazioni di servizi, dal momento di effettuazione dell’operazione a quello dell’incasso. Allo stesso modo, il diritto a detrarre l’Iva sui beni e sui servizi acquistati nasce al momento del pagamento dei corrispettivi ai fornitori. L’imposta diventa comunque esigibile dopo un anno dall’effettuazione dell’operazione, a meno che, prima del decorso di questo termine, il cessionario o committente sia stato assoggettato a procedure concorsuali. Allo stesso modo l’Iva sugli acquisti può essere detratta, trascorso un anno dal momento in cui l’operazione si considera effettuata. Vai al sito dell’Agenzia delle Entrate

 

Principio per cassa: chi può adottarlo

 

Tale principio viene normalmente adottato da chi ha un regime di contabilità semplice. Possono aderire:

 

  • operano nell’esercizio di impresa, arti o professioni;
  • hanno realizzato nell’anno precedente (o, nel caso di avvio dell’attività, prevedono di realizzare) un volume d’affari non superiore a due milioni di euro;
  • effettuano cessioni di beni o prestazioni di servizi imponibili nel territorio dello Stato nei confronti di cessionari o committenti che, a loro volta, agiscono nell’esercizio di impresa, arti o professioni.