Passa al contenuto principale

Conservazione

In questa pagina del manuale, troverai semplici informazioni sulla conservazione elettronica a norma dell'Agenzia delle Entrate e come Fattura24 si sia organizzata in merito. Fattura24> non offre il servizio di conservazione elettronica perché esiste già un servizio, completamente gratuito, offerto dall'Agenzia delle Entrate, tramite il portale Fatture e Corrispettivi.

Con il processo di conservazione elettronica , regolamentato dall’Agenzia delle Entrate, hai la garanzia di non perdere mai le fatture, di riuscire sempre a leggerle e, soprattutto, puoi recuperare sempre la copia originale delle fatture ; stessa cosa, vale per gli altri documenti informatici che decidi di portare in conservazione.

In merito alla registrazione e conservazione delle fatture, l'Agenzia delle Entrate ha chiarito che, se il contribuente sottoscrive il servizio di conservazione gratuito delle fatture (durata: 3 anni), tutte le fatture elettroniche, emesse e ricevute da lui attraverso lo SdI, sono automaticamente portate in conservazione, mantenute e rese disponibili all’utente per 15 anni, anche in caso di decadenza o recesso dal servizio.

Con Fattura24, puoi creare la fattura in formato XML, scaricarla e firmarla in modo digitale

Accedi al sito dell’Agenzia delle Entrate, e inserisci manualmente la fattura in conservazione oppure, puoi usare come provider Fattura24. In alternativa, puoi utilizzare i servizi di conservazione a pagamento, offerti da Operatori privati di fiducia, inserendo le tue fatture manualmente (singole o in zip con più fatture).

Sono emerse diverse informazioni sull’argomento conservazione, sulle relative procedure e su come accedere al servizio di messa in conservazione:

  • Attivazione del servizio di conservazione (invio automatico);
  • Adesione alla conservazione retroattiva;
  • Conservazione in modalità manuale;
  • Gestione dell'accordo di servizio (revoca del servizio).

Abbiamo scritto una guida (aggiornata al 02/02/2022) per il servizio offerto dall'Agenzia delle Entrate: clicca qui.

CENNI STORICI

Il principio di conservazione trova le sue origini nell' art. 39 del Dpr n. 633/1972: Tenuta e conservazione dei registri e dei documenti.

Con il provv.to n.89757/2018 l’Agenzia delle Entrate ha ufficializzato il servizio gratuito di conservazione legale delle fatture e delle note di credito elettroniche conforme al Dpcm 3 dicembre 2013;  tale servizio è accessibile nel portale pubblico Fatture e Corrispettivi: clicca qui.

La conservazione elettronica tuttavia, non è la semplice memorizzazione nel supporto fisico del file della fattura, bensì un processo regolamentato tecnicamente dal CAD (Codice dell’Amministrazione Digitale - Dlgs 82 del 7 marzo 2005): clicca qui.

info

Consulta il Regolamento Integrativo delle Condizioni di Contratto per l’UTENTE che utilizza moduli per widget di Fattura24, clicca.