Sistema di Interscambio

Canale di invio e ricezione accreditato SdI

Assistenza telefonica

(+39) 06-40402261

 

Regime dei minimi 2018 – Requisiti

Guida 2018

Regime dei minimi 2018 – Requisiti

Regime dei minimi 2018. Dal 1° gennaio 2015 quello che era noto come regime dei minimi è cambiato per effetto dell’articolo 9 della Legge di Stabilità, lasciando spazio all’entrata in vigore del nuovo regime forfettario

 

Regime dei minimi 2018: chi sono i contribuenti minimi?

Il regime dei minimi 2018 pertanto resta in vigore solo per chi, essendo in attività, è ancora in possesso dei requisiti di permanenza tra i contribuenti minimi. Viceversa, chi apre un’attività nel 2018 ed è in possesso dei requisiti, dovrà necessariamente entrare a far parte del nuovo regime forfettario.
 

Maggiori dettagli sul sito dell’Agenzia delle Entrate

 

Tuttavia anche i contribuenti in possesso dei requisiti possono richiedere il passaggio al regime forfettario o decidere di rimanere nel proprio regime finché ne saranno mantenuti i requisiti.

 

Vediamo quali sono i requisiti per accedere al regime dei minimi 2018.

 

Regime dei minimi 2018: i requisiti

 

 

Quelli che andremo ad elencare sono i requisiti che i contribuenti minimi devono mantenere per non uscire dal regime dei minimi:
 

  • contribuenti che nel corso dell’anno precedente hanno conseguito ricavi non superiori ai 30 mila euro, non hanno effettuato cessioni all’export e non hanno sostenuto spese per dipendenti o collaboratori;
  • nei tre anni precedenti non hanno acquistato beni strumentali per un importo complessivo superiore ai 15 mila euro;
  • non si avvalgono di regimi speciali;
  • sono residenti in Italia;
  • non fanno parte di società di persone o associazioni;
  • tramite la loro attività non effettuano esclusivamente o prevalentemente cessioni di fabbricati, di terreni edificabili e mezzi di trasporto

 

Tra le cause di uscita dal regime dei minimi possiamo annoverare:

  1. il superamento del limite dei 30 mila euro di ricavi,
  2. l’assunzione di dipendenti o collaboratori;
  3. ed infine l’uscita a causa del compimento del 35° anno d’età del contribuente.

 

Regime dei minimi 2018: costi da sostenere

 

I costi da sostenere per la permanenza al regime dei minimi sono le spese legate al commercialista che possono variare, i costi legati al diritto annuale camerale che è di circa 200 euro ed infine i contributi INPS che vanno versati obbligatoriamente.

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone
Federico Gambina
Federico Gambina

Digital Marketing & Communication Assistant

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.