Passa al contenuto principale

Aprire la partita IVA

In questa guida ti acompagneremo passo passo per superare i primi ostacoli che incontrerai all'inizio della tua attività professionale e/o imprenditoriale.

Per ostacoli intendiamo la conoscenza dei costi di mantenimento, che dovrai sostenere per mantenerla, e le procedure burocratiche da seguire, la scelta del profilo fiscale e i costi oltre all'immagine che la tua attività professionale e/o imprenditoriale dovrà assumere quando presenta un documento informatico (fattura elettronica, parcella elettronica e nota di credito elettronica) o digitale (PDF o fattura di cortesia, DDT, proforma, ordine, fattura, parcella, nota di credito, corrispettivo, preventivo o rapportino).

Già da queste prima parole stai intuendo che la tua è una scelta di vita importante che va al di là dei semplici concetti del mettersi in proprio, dell'essere fautori della propria vita, di essere autonomi e liberi di decidere il proprio orario lavorativo.

Non vogliamo allarmarti ma semplicemente avere un approccio obbiettivo e farti comprendere i pro e i contro perchè scegliere tra un ditta individuale o essere un libero professionista, a prestazione occasionale o continuativa, è diverso come è diverso decidere se avere una S.s. (Società semplice), una S.n.c. (Società in nome collettivo), una S.a.s. (Società in accomandita semplice), una S.p.a. (Società per azioni), una S.a.p.a. (Società in accomandita per azioni), una S.r.l. (Società a responsabilità limitata) o un S.r.l.s. (Società a respoinsabilità limitata semplificata).

Ma prima di tutto questo dovrai decidere il o i tuo icampi d'azione in base ai codici ATECO che sceglierai.

Bene ora che ti abbiam ospaventato procediamo con calma.