Passa al contenuto principale

Trasformare i documenti per lo SdI

In questa guida vediamo come puoi trasformare i documenti fiscali digitali o in altri documenti oppure in documenti fiscali elettronici secondo le specifiche dell'Agenzia delle Entrate per essere inviati allo SdI.

Prima di procedere ricordiamo che la seguente procedura è applicabile per le classi documentali presenti in:

  • VENDITE:
    • fattura elettronica;
    • parcella elettronica;
    • ordini;
    • DDT;
    • proforma;
    • fatture;
    • ricevute;
    • note di credito;
    • rapportini;
  • ACQUISTI:
    • proforma;
    • fatture;
    • ordini fornitore;
    • DDT;
    • ricevute.

La trasformazione dei documenti fiscali può essere:

  1. singolo documento;
  2. modo massivo.

Analizziamole singolarmente.

1. Singolo documento

Ora procederemo con un esempio su di una fattura elettronica esistente; la procedura è applicabile solo ai documenti fiscali esistenti.

Dalla schermata principale vai nel menu di sinistra, clicca su VENDITE e, successivamente, su Fatture Elettroniche.

Copiare documento fiscale

Clicca su    per selezionare () il documento da trasformare e, successivamente, su CREA DA per decidere se creare:

  • una Nota di Credito elettronica;
  • un DDT.

Procediamo a trasformare il documento selezionato in una nota di credito elettronica; fatta la scelta si procede alle impostazioni preliminari.

Trasformare un documento

In questa scheda puoi dare alcune istruzioni preliminari prima di creare il documento nuovo a seconda dei casi:

  • segnare come approvati o fatturati i documenti di origine;
  • scegliere se inserire i riferimenti dei documenti di origine nel testo delle rispettive linee-prodotto del nuovo doc, oppure nella relativa causale, o, in alternativa, se non inserire proprio alcun riferimento (nei soli casi consentiti);
  • scegliere, se i doc di origine sono DDT, il tipo di fattura elettronica da creare: o TD01 (fattura elettronica ordinaria), oppure TD24 (Fattura differita ex. art. 21, comma 4, lett. a del D.p.r. 633/1972);
  • potrai in ogni caso ricambiare il tipo documento una volta aperta la scheda del documento in fase creazione.

Una volta deciso come impostare i campi Inserisci riferimenti al documento di origine e le Modalità di pagamento clicca u CREA DOCUMENTO per aprire la scheda del nuovo documento e procedere alla valorizzazione di tutte le sotto schede utili sia per lo SdI che nel caso vuoi creare un PDF di cortesia da inviare al cliente per accettazione.

Il nuovo documento verrà salvato nella rispettiva classe documentale.

Dove applicare la trasformazione dei singoli documenti

Nel caso vuoi applicare questa procedura alle altri classi documentali qui di seguito ti riportiamo le varie possibili trasformazioni per classe:

  • VENDITE:
    • le fattura elettronica in una nota di credito elettronica o un DDT;
    • le parcella elettronica in una nota di credito elettronica;
    • i preventivi in una fattura elettronica, una parcella elettronica, una fattura non elettronica, una ricevuta, un proforma, un DDT, un ordine cliente o in un rapportino;
    • gli ordini in una fattura elettronica, una parcella elettronica, una fattura non elettronica, una ricevuta, un proforma, un DDT o in un ordine fornitore;
    • i DDT in una fattura elettronica, una fattura non elettronica, una ricevuta o in un proforma;
    • la proforma in una fattura elettronica, una parcella elettronica, una fattura non elettronica o in un DDT;
    • le fatturein una fattura elettronica, una nota di credito elettronica, una nota di credito non elettronica o in un DDT;
    • le ricevute in una fattura elettronica, una fattura non elettronica o in una nota di credito non elettronica;
    • le note di credito in una nota di credito non elettronica;
    • i rapportini in una fattura elettronica, una fattura non elettronica, una ricevuta o in un proforma;
  • ACQUISTI:
    • la proforma in un fattura;
    • le fatture in una nota di credito o in un ordine cliente;
    • gli ordini fornitore in una fattura; un proforma; una ricevuta; un DDT fornitore o in un ordine cliente;
    • i DDT in una fattura, un proforma o in una ricevuta;
    • lericevute in una nota di credito.

2. Modo massivo

Ora procederemo con un esempio su di un preventivo; la procedura è applicabile solo ai documenti fiscali esistenti.

Dalla schermata principale vai nel menu di sinistra, clicca su VENDITE e, successivamente, su Preventivi.

Trasformare un documento

Clicca su    per selezionare () i documenti da trasformare e, successivamente, su CREA DA per decidere se creare:

  • una Fattura elettronica;
  • una Parcella elettronica;
  • un DDT;
  • una Fattura non elettronica;
  • un *Ordine cliente;
  • una Ricevuta;
  • un Proforma;
  • un Rapportino;

Procediamo a trasformare i documenti selezionati in un ordine cliente; fatta la scelta si procede alle impostazioni preliminari.

Trasformare un documento

In questa scheda puoi dare alcune istruzioni preliminari prima di creare il documento nuovo a seconda dei casi:

  • segnare come approvati o fatturati i documenti di origine;
  • scegliere se inserire i riferimenti dei documenti di origine nel testo delle rispettive linee-prodotto del nuovo doc, oppure nella relativa causale, o, in alternativa, se non inserire proprio alcun riferimento (nei soli casi consentiti);
  • scegliere, se i doc di origine sono DDT, il tipo di fattura elettronica da creare: o TD01 (fattura elettronica ordinaria), oppure TD24 (Fattura differita ex. art. 21, comma 4, lett. a del D.p.r. 633/1972);
  • potrai in ogni caso ricambiare il tipo documento una volta aperta la scheda del documento in fase creazione.

Una volta deciso come impostare i campi Metti preventivi a APPROVATI e Inserisci riferimenti ai documenti di origine clicca u CREA DOCUMENTO per aprire la scheda del nuovo documento e procedere alla valorizzazione di tutte le sotto schede utili sia per lo SdI che nel caso vuoi creare un PDF di cortesia da inviare al cliente per accettazione.

A differenza del metodo per singolo documento in questo caso il nuovo documento avrà al suo interno tante linee contabili per quante sono le selezioni per la trasformazione massiva; il nuovo documento verrà salvato nella rispettiva classe documentale.

Dove applicare la trasformazione massiva dei documenti

Nel caso vuoi applicare questa procedura alle altri classi documentali qui di seguito ti riportiamo le varie possibili trasformazioni per classe:

  • VENDITE:
    • i preventivi in una fattura elettronica, una parcella elettronica, una fattura non elettronica, una ricevuta, un proforma, un DDT, un ordine cliente o in un rapportino;
    • gli ordini in una fattura elettronica, una parcella elettronica, una fattura non elettronica, una ricevuta, un proforma, un DDT o in un ordine fornitore;
    • i DDT in una fattura elettronica, una fattura non elettronica, una ricevuta o in un proforma;
    • la proforma in una fattura elettronica, una parcella elettronica, una fattura non elettronica o in un DDT;
    • le fatture in una fattura elettronica, una nota di credito elettronica, una nota di credito non elettronica o in un DDT;
    • le ricevute in una fattura elettronica, una fattura non elettronica o in una nota di credito non elettronica;
    • le note di credito in una nota di credito non elettronica;
    • i rapportini in una fattura elettronica, una fattura non elettronica, una ricevuta o in un proforma;
  • ACQUISTI:
    • i proforma in un fattura;
    • le fatture in una nota di credito o in un ordine cliente;
    • gli ordini fornitore in una fattura; un proforma; una ricevuta; un DDT fornitore o in un ordine cliente;
    • i DDT in una fattura, un proforma o in una ricevuta;
    • le ricevute> in una nota di credito.