Sistema di Interscambio

Canale di invio e ricezione accreditato SdI

Telefono

+39 06-40402261

 

Arrivano gli ISA:
addio agli studi di settore, ecco tutte le novità

Le guide di Fattura24

Arrivano gli ISA:
addio agli studi di settore, ecco tutte le novità

A partire da gennaio 2019 gli Studi di Settore sono stati sostituiti definitivamente dai nuovi ISA – indici sintetici di affidabilità fiscale. La notizia è stata comunicata tramite comunicato stampa ufficiale dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. Il passaggio agli indici ISA introduce una nuova metodologia statistico-economica che avrà il ruolo di stabilire il grado di affidabilità fiscale delle imprese e dei professionisti su una scala da uno a dieci in relazione alla possibilità di accedere a premi e/o agevolazioni.

 

ISA: come funzionano

 

ISA

 

Il comunicato ufficiale pubblicato il 28 dicembre del 2018 annuncia la sostituzione degli Studi di Settore con gli indici sintetici di affidabilità fiscale già dalle dichiarazioni relative all’anno 2018.

 

Si tratta di 175 ISA che verranno applicati alle varie attività economiche (artigianato, agricoltura, commercio e professioni). Alcuni esperti del settore li hanno definiti “pagelle dell’imprenditore”, in quanto l’Agenzia delle Entrate attribuisce a ciascuno un punteggio da 1 a 10 per determinare l’accesso alle agevolazioni.

 

Il cambiamento permetterà di semplificare gli adempimenti e – grazie a nuove forme di comunicazioni – di aumentare la collaborazione tra i contribuenti e l’amministrazione finanziaria.

 

ISA: cosa cambia con i nuovi indici

 

Le principali differenze con la precedente modalità riguarda la valutazione del comportamento fiscale del contribuente, il quale non verrà più valutato in maniera netta (positivo vs negativo) ma in relazione ad un più accurato grado di affidabilità fiscale.
 

Gli indicatori relativi a tale grado di affidabilità si possono ricondurre a due macro gruppi:

 

  1. indicatori elementari di affidabilità: i quali verificano la normalità e la coerenza della gestione aziendale o professionale;
  2. indicatori elementari di anomalia: i quali valutano la gestione aziendale o professionali di casi atipici rispetto al settore,

 

I contribuenti ritenuti affidabili saranno esclusi e avranno una riduzione degli accertamenti fiscali, inoltre saranno considerati tra i primi per la ricezione di eventuali rimborsi fiscali. Gli incentivi previsti dagli ISA sono (scarica il pdf del Decreto-legge del 24/04/2017 n. 50: clicca qui)
 

  • esonero dall’apposizione del visto di conformità per la compensazione di crediti per un importo non superiore a 50mila euro annui, relativamente all’Iva, e non superiore a 20mila euro annui, in relazione alle imposte dirette e all’Irap;
  • esonero dall’apposizione del visto di conformità ovvero dalla prestazione della garanzia per i rimborsi Iva, per un importo non superiore a 50mila euro annui
  • esclusione dell’applicazione della disciplina delle società non operative (articolo 30 della legge 724/1994), anche ai fini di quanto previsto in tema di perdite sistemiche (articolo 2, secondo periodo comma 36-decies, Dl 138/2011);
  • esclusione degli accertamenti basati sulle presunzioni semplici (articolo 39, primo comma, lettera d), secondo periodo, del Dpr 600/1973, e articolo 54, secondo comma, secondo periodo, del Dpr 633/1972);
  • anticipazione di almeno un anno, con graduazione in funzione del livello di affidabilità, dei termini di decadenza per l’attività di accertamento (articolo 43, comma 1, del Dpr 600/1973, con riferimento al reddito di impresa e di lavoro autonomo, e articolo 57, comma 1, del Dpr 633/1972);
  • esclusione della determinazione sintetica del reddito complessivo (articolo 38 del Dpr 600/1973), a condizione che il reddito complessivo accertabile non ecceda di due terzi il reddito dichiarato.

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone
Fattura24.com
Fattura24.com

Redazione

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.