Sistema di Interscambio

Canale di invio e ricezione accreditato SdI

Telefono

+39 06-40402261

 

Prefazione

fattura elettronica - guida pratica per chi incomincia da zero

Prefazione al libro

 

Di storie sulle fatture (non quelle delle streghe, ma poco ci manca) un commercialista o un esperto contabile ne racconta quante ne volete.

 

Potrei giocare sulle parole: fattura = iattura

 

Ossia disgrazia, malocchio, sventura.

 

E so che la cosa vi fa sorridere, perché altrettante storie le potete raccontare anche voi, vissute sulla vostra pelle. A cominciare dalla prima.

 

Chi non ricorda l’emissione della sua prima fattura?

 

La prima in assoluto, quella da cui è partita la carriera di libero professionista o di grande imprenditore (siamo tutti molto “liberi” e molto “grandi” alla luce dei nostri occhi).

 

Quante domande al commercialista, quanti prototipi di stampa chiedendosi se fosse compilata correttamente, quante ansie sino al pagamento finale dal cliente, come una sorta di “certificazione ultima” per cui si sapeva emettere “la” fattura.

 

L’emozione del pagamento. Poi qualche primo errore: la data, l’importo, l’IVA, ancora rimediabili; poi note di credito, di debito e nel frattempo l’attività cresceva.

 

 

E poi i pagamenti sempre più rari…

 

…oh questa è un’altra storia.

 

 

Un pezzo di carta, portavoce di una immagine identitaria, quando corredata di colori e un marchio, un brand dietro cui c’è un’impresa, il suo capitale umano, la sua credibilità e affidabilità, un trasferimento di beni e servizi, denaro con il quale si alimenta il futuro delle famiglie dei propri collaboratori e dipendenti, oltre che la propria.

 

Un pezzo di carta che classificato, catalogato, aggregato, contabilizzato diventa uno strumento a supporto delle decisioni:

 

  • quanto ricavo?
  • quanto spendo?
  • quanto mi costa un fornitore?
  • quanto mi costa un cliente?
  • quale margine ho nel mio settore di attività e posso fare investimenti?

 

Per non parlare delle contestazioni, delle non conformità di merce, dei resi, e molto altro ancora.

 

Tutto su un pezzo di carta intorno a cui gira un indotto, fatto di persone.

 

Oggi la fattura cartacea è andata in pensione e la tecnologia la sta accompagnando perché non se ne senta la mancanza (con buona pace degli ambientalisti e delle foreste).

 

Gradualmente, soprattutto grazie alla diffusione di tecnologie a basso costo, si sta procedendo alla sostituzione di un intero processo.

 

Dalla sua emissione alla sua ricezione, alla sua archiviazione nel tempo, in conformità a normative che garantiscano tutela, certezza, sicurezza, affidabilità e inalterabilità delle parti, dei dati in essa contenuti.

 

I principali attori, emittente e destinatario, i due intermediari più prossimi, commercialisti e/o esperti contabili, Enti Pubblici e Privati e la famigerata Agenzia delle Entrate si sono adeguati a un processo che punta alla dematerializzazione della fattura.

 

Cosa è cambiato?

 

Quasi nulla di questo processo: ci sarà sempre chi emette e chi riceve una o più fatture. Quasi tutto: utilizziamo di più i computer, gli smartphone, magari i pagamenti elettronici e altri giocattolini tecnologici.

 

C’è da aver paura?

 

Come tutte le cose nuove, all’inizio ha fatto un po’ paura, ma le sfide sono belle perché si raccolgono e alla fine, quando i meccanismi si conoscono e padroneggiano, si scopre che certi terrorismi sono ingiustificati: di sicuro un imprenditore lotta contro i rischi ogni giorno, figurati se non può correre questo.

 

E poi, è un rischio calcolato.

 

Le pagine che seguono raccontano due cose:

 

  1. una rivoluzione digitale che ci vede tutti un po’ protagonisti nelle piccole problematiche di ogni giorno e relative soluzioni;
  2. la visione di Fattura24, oggi una bella realtà imprenditoriale, che ha realizzato una soluzione per semplificare e risolvere quel male burocratico che passa attraverso la fatturazione cartacea diventata “elettronica”, la nostra visione semplice di una realtà apparentemente complessa.

 

Per tutto il resto c’è sempre il #caroconsulente di fiducia.