Sistema di Interscambio

Canale di invio e ricezione accreditato SdI

Telefono

+39 06-40402261

 

La nascita

fattura elettronica - guida pratica per chi incomincia da zero

Ricordo ancora la mia prima fattura…

 

…avevo aperto da poco la P.IVA e all’epoca (stiamo parlando di qualche era informatica fa) ero un libero professionista, o meglio uno dei tanti finti liberi professionisti che, pur avendo aperto una P.IVA, di fatto emettevano solo 12 fatture l’anno.

 

Lascio a te immaginare perché le fatture fossero esattamente 12 l’anno, non una di più e non una di meno.

 

Comunque per farla breve la mia prima fattura fu molto semplice da realizzare.

 

Avevo acquistato da poco un portatile in una nota catena di elettronica di consumo ed essendoci preinstallato un altrettanto noto software di “office automation”, non feci altro che creare un documento che “somigliasse” a una fattura per poi salvarlo in formato PDF e inviarlo al mio cliente e al mio commercialista.

 

Semplice, no? Già.

 

Ogni tanto poteva capitare che ci fosse un errore e non dovevo far altro che correggerlo e dire al mio cliente di buttare la vecchia fattura e prendere per buona l’ultima che gli avevo mandato.

 

Scommetto che tutto questo ti suona familiare, vero?

 

Quante volte ti sarà capitato di correggere una fattura e chiedere al tuo cliente di ignorare (o letteralmente “cestinare”) la precedente versione.

 

Probabilmente non saranno serviti più di 5 minuti per fare tutto.

 

Ebbene, tutto questo è storia: la fattura elettronica, una volta inviata, non potrà più essere cestinata e rifatta!!!

 

Ma non voglio rovinarti la giornata ora, aspetterò sadicamente ancora qualche pagina.