Passa al contenuto principale

SMART goal

SMART goal

Specific Measurable Achievable Realistic Time-bound

È un acronimo utilizzato un framework mnemonico volto a stabilire dei criteri di valutazione sugli obiettivi (specifici, misurabili, assegnabili, realistici e vincolati) che si vuole raggiungere (ad esempio gestione dei progetti per le strategie di marketing e la gestione delle prestazioni dei dipendenti e lo sviluppo personale), è stato introdotto da George T. Doran (Management Review - 1981).

L’acronimo si compone delle seguenti locuzioni:

  • Specific (Specifico): mirare a una particolare area di miglioramento;
  • Measurable (Misurabile): quantificare, o almeno suggerire, un indicatore di progresso;
  • Achievable (Raggiungibile): definire chiaramente la responsabilità;
  • Realistic (Realistico): delineare i risultati raggiungibili con le risorse disponibili;
  • Time-bound (Definito nel tempo): inclusa una sequenza temporale per i risultati attesi.

Esiste anche la seguente variante, che è una evoluzione del 1981, che prevede l’adozione dai seguenti lemmi:

  • Specific (Specifico);
  • Measurable (Misurabile);
  • Assignable (Misurabile);
  • Realistic (Rilevante);
  • Time-related (Relativo al tempo).

Anche se sono cambiati i lemmi la sostanza del framework mnemonico non cambia, anzi è utile ricordare che non è sempre è possibile quantificare gli obiettivi a tutti i livelli gestionali, in particolare per i ruoli di middle management (gestione intermedia) e per questo è importante bilanciare gli obiettivi quantificabili, tramite ad esempio con l’integrazione dei KPI (Key Performance Indicators), con obiettivi astratti per formulare un piano d’azione globale esecutivo come fondamento di una gestione efficace.

Altri framework mnemonici sono:

  • CLEAR (Collaborative Limited Emotional Appreciable Refinable): è progettato per creare una visione condivisa e allineare gli obiettivi all’interno di un team o di un’organizzazione;
  • PURE (Positively stated Understood Relevant Ethical): è progettato sulla base della PNL (Programmazione NeuroLinguistica) perché l’obbiettivo è porre l’attenzione sul subconscio programmando sè stessi;
  • CPQQRT (Context Purpose Quantity Quality Resources Timing): è progettato per gli ambienti complessi e frenetici dove è richiesto di bilanciare le molteplici priorità mentre si prendono decisioni strategiche continue che avranno un impatto futuro;
  • ABC (Achievable Believable Committed): è progettato per consentire di perseguire obbiettivi raggiungibili e credibili richiedendo l’impegno della persona.