Sistema di Interscambio

Canale di invio e ricezione accreditato SdI

Assistenza telefonica

(+39) 06-40402261

 

Fattura omaggio: quando e come emetterla

dizionario di contabilità

La fattura omaggio ha una fiscalità particolare e, quindi si distingue da una normale fattura. Esistono nel dettaglio due casi diversi di fiscalità relativi ad una fattura omaggio:

 

  1. oggetti non legati all’attività dell’impresa;
  2. l’omaggio di un oggetto legato all’attività dell’impresa.

 

Prima di vedere come emettere una fattura omaggio chiariamo la differenza tra questi due casi. Nel primo caso rientrano i prodotti o i servizi che non fanno parte del business dell’impresa (produzione e commercio); i quali non devono superare l’importo 50€ iva inclusa e per i quali non deve essere stata operata, ad esempio al momento dell’acquisto, la detraibilità dell’imposta Iva.

 

Nel secondo caso, quindi, rientrano gli oggetti legati all’attività dell’impresa, i quali vengono prodotti e/o venduti per finalità commerciali.

 

Fattura omaggio per i beni legati all’attività dell’impresa

 

 

Vediamo ora come emettere fattura omaggio di un prodotto realizzato o commercializzato dall’impresa. Bisogna innanzitutto considerare che tale omaggio è rilevante ai fini dell’Iva ed è quindi obbligatorio emettere fattura. Il cliente che riceve il bene in omaggio è tenuto al solo pagamento dell’imposta, l’impresa dovrà creare una fattura e stornare l’imponibile lasciando l’iva visibile in fattura.

 

Tuttavia l’azienda che effettua la cessione gratuita del bene ha la facoltà di:

 

    • non addebitare l’iva al cliente, in questo caso il pagamento dell’imposta spetta all’impresa, mentre all’interno della fattura basterà indicare questa dicitura “cessione gratuita art.2 DPR 633/72 senza obbligo di rivalsa art.18 DPR 633/72”;
    • emettere un’unica fattura mensile (con tutti i relativi prodotti omaggio) indicandone la natura;
    • registrare gli omaggi in uno specifico supporto suddivisi per aliquota iva

 

Diverso il discorso per i campioni omaggio ai quali non viene applicata l’Iva purché abbiano alcuni requisiti:

 

      1. devono essere campioni gratuiti;
      2. essere contrassegnati come tali;
      3. devono essere di modico valore;

 

Fattura omaggio per i beni non legati all’attività dell’impresa

 

Per quanto riguarda i prodotti o servizi non legati all’attività produttiva e/o commerciale dell’impresa gli omaggi vengono gestiti e fatturati diversamente.

 

Infatti tali cessioni sono sempre escluse da importo iva, quindi la fatturazione non è obbligatoria. Naturalmente tali movimenti devono essere registrati attraverso un documento di trasporto (DDT), o simili, con specifica causale e dati del destinatario in modo che sia possibile verificare la connessione con l’acquisto al fine di controllo da parte degli enti preposti.