Sistema di Interscambio

Canale di invio e ricezione accreditato SdI

Telefono

+39 06-40402261

 

Tasso di cambio

dizionario di contabilità

Il Tasso di Cambio è il prezzo di una moneta in termini di un’altra moneta. Si tratta di un particolare molto rilevante per la determinazione del costo dei beni. Esso è infatti determinato dal valore di mercato e subisce cambiamenti giornalieri in base alle quotazioni di mercato.

 

Se ad esempio si facesse riferimento al tasso euro/dollaro ci si riferirebbe all’importo 1,14, ossia sono necessari 1,14 dollari per acquistare un euro. In tale esempio il valore dell’euro è superiore al valore del dollaro. Chiaramente il tasso di cambio può subire un apprezzamento o un deprezzamento facendo aumentare o diminuire il valore della moneta.

 

Tali oscillazioni sono dipese da diverse variabili di natura finanziaria relativa all’andamento del Paese, alle esportazioni/importazioni, ai tassi di interesse delle banche centrali e da molti altri fattori.

 

In finanza si distinguono due diverse tipologie di tasso di cambio, quello nominale e quello reale. Vediamo le differenze.

 

Tasso di Cambio nominale e reale

 

 

Per tasso di cambio nominale di fa riferimento alla differenza tra una valuta nazionale ed una estera. Si tratta quindi del caso che abbiamo preso come esempio, ossia quanti dollari servono per comprare un euro? Tale tipologia di tasso, come abbiamo visto, può subire un apprezzamento o un deprezzamento in base alle oscillazioni di natura finanziaria.

 

Per tasso di cambio reale si fa riferimento al prezzo dei beni nazionali e dei beni esteri. Nel dettaglio, supponiamo di avere un cambio euro/dollaro di 1,50. Acquistiamo un prodotto in Italia dal costo di 10 mila euro, lo stesso prodotto costerà 15 mila dollari negli Stati Uniti. Tuttavia, nonostante la differenza di costo, il valore reale del prodotto è il medesimo.

 

All’interno di una fattura in emissione – nel caso di fattura rivolta ad un cliente con valuta differente da quella nazionale – bisogna applicare il tasso di cambio della data in cui la fattura viene emessa.