Canale di invio e ricezione
accreditato SdI.
Sistema di Interscambi
Telefono
+39.06-40402261

Ritenute previdenziali

Dizionario di contabilità

A
Abbuono
Acconto IVA
Acquisto
AgID
Ammortamento
Analisi di bilancio
Anno fiscale
Anticipo fatture
AssoSoftware
Archiviazione elettronica
ARERA
Asset Turnover
ATECO
Attività
Autofattura
Azienda
Azione
B
B2B
B2B2C
B2C
B2G
B2X
Bilancio di esercizio
Bilancio di previsione
Bilancino
Break even point
Brevetto
Budget vs Actual
Business Angel
Business plan
C
Canali telematici
Capitale circolante
Capitale sociale
Cash flow
Carta di credito
CNS
Cassetto fiscale
Centro di costo
Cessionario e committente
Cespite
Codice di attività
Codici CIG e CUP
Codici fattura elettronica
Codice destinatario
Codice fiscale
CONAI
Conferma dell'ordine
Conservazione sostitutiva
Contabilità
Conto corrente
Conto economico
Contributo previdenziale
Cooperativa
Costo medio ponderato
Credito
Credito d'imposta
Crowdfunding
D
Data di emissione
Data di scadenza
Debito
Dichiarazione IVA
Disinvestimento
Ditta individuale
Dividendo
DDT
Drop shipping
DUNS
DURC
E
E-commerce
E-fattura
elDAS
ENASARCO
Entratel
Esenzione fiscale
Esenzione IVA
Esterometro
F
Factoring
Fattura
Fattura accompagnatoria
Fattura di cortesia
Fattura differita
Fattura elettronica
Fattura omaggio
Fattura PA
Fattura proforma
Fatture e Corrispettivi
FEA
FIFO
Firma digitaleE
Fisco online
Franchising
G
Gig economy
Goodwill
Gestione separata INPS
I
IBAN
Imponibile
Imposta
Incubatore d'impresa
Indice di indebitamento
INARCASSA
Inflazione
Insolvenza
Interesse
IRAP
IRES
IRPEF
ISA
IVA
J
Joint venture
L
LEI
Lettore carte di credito
Libro giornale
Libro maestro
LIFO
Liquidazione IVA
Lotteria scontrini
M
Marca da bollo
Micro impresa
Mission
Modalità di pagamento
Model canvas
Modello di fattura in Excel
Modello di fattura in Word
Modello INTRASTAT
Modello UNICO
N
NACE
Natura IVA
Nota di credito
Nota spese
Numero fattura
Numero REA
O
OCR
OIC
Open innovation
OTP
P
P2B
Parcella
Partita doppia
Partita IVA
Passività
Patent box
Patrimonio netto
PEC
Perdita
Prestazione occasionale
Preventivo fiscale
Principio di cassa
Principio di competenza
Q
QR code
R
Regione sociale
Rappresentante fiscale
Ravvedimento operoso
Regime fiscale semplificato
Regime forfettario
Regime IVA per cassa
Regime IOSS
Regime MOSS
Regime ordinario
Registro dei corrispettivi
Registro IVA
Reverse charge
Ricevuta fiscale
Riconciliazione bancaria
Rimborso IVA
Rimessa diretta
Ritenuta d'acconto
Ritenuta previdenziale
Rivalsa
ROA
S
SCIA
Sconto
Scontrino telematico
Scorporo IVA
Sezionale fattura
SdI (Sistema di Interscambio)
Società di diritto
Sollecito
Sostituto d'imposta
Spesometro
Split payment
S.r.l.
S.r.l.s.
Start up
Stato patrimoniale
Storno fattura
Studi di settore
Surcharge
SWIFT e BIC
T
Tasso di cambio
Tonnage tax
V
Valuta
Venture capital
VIES
Vision
Volume d'affari
X
XML
Fattura elettronica

Prova Fattura24

GRATIS

per 30 giorni

CLICCA QUI

Le ritenute previdenziali sono contributi previdenziali obbligatori che un libero professionista deve inserire in fattura e trattenuti dal cessionario/committente (il cliente) e versati da quest’ultimo alle Casse Previdenziali alle quali il cedente/prestatore (chi emette la fattura) è iscritto.

 

In questo contesto possiamo dividere i liberi professionisti in due categorie:

  • iscritti ad una cassa previdenziale; fanno un lavoro regolamentato dal loro albo professionale di riferimento
  • non iscritti a nessuna cassa previdenziale; cioè fanno un lavoro non regolamentato da nessun albo professionale

 

In fattura le ritenute previdenziali si distinguono dalle voci di contributo previdenziale o di cassa previdenziale che non vengono trattenute al cessionario/committente ma liquidate direttamente al cedente/prestatore e versate da quest’ultimo alla rispettiva cassa.

 

Il calcolo finale viene fornito o dal libero professionista, nel caso in cui lo voglia fare per conto proprio o che si avvalga di un altro professionista, oppure da un gestionale di fatturazione elettronica che al suo interno permette di impostare tutti i parametri per ricavare i dati; compilare il tracciato XML e spedirlo allo SdI.

 

Liberi Professionisti iscritti ad una cassa previdenziale

Sono tutti quei liberi professionisti iscritti ad una albo professionale che gestisce la cassa previdenziale di appartenenza (Dlgs 509/1994 e D.lgs 103/1996).

 

Le più importanti cassa previdenziali in Italia sono:

  • CNN: Notai;
  • CNPAF: Avvocati;
  • CIPAG: Geometri;
  • CRPC: Cassa Ragionieri e Periti Commerciali;
  • CNPADC: Commercialisti;
  • ENPAB: Biologi;
  • ENPACL: Consulenti del lavoro;
  • ENPAF: Farmacisti;
  • ENPAIA: Agrotecnici e Periti Agrari;
  • ENPAM: Medici;
  • ENPAP: Psicologi;
  • ENPAV: Veterinari;
  • EPAP: Agronomi, Forestale, Attuari, Chimici e Geologi;
  • EPPI: Periti Industriali;
  • INARCASSA: Ingegneri e Architetti;
  • INPGI: Giornalisti e liberi professionisti;
  • ENPAPI: Infermieri, Assistenti Sanitari e Vigiliatrici d’Infanzia;
  • ENASARCO: Agenti e Rappresentanti di Commercio.

 

Le attività delle casse previdenziali sono quelle inerenti alla previdenza e all’assistenzialismo degli iscritti; gli importi delle iscrizioni variano fra di loro quindi converrebbe rivolgersi al proprio albo professionale per sapere l’importo e le date di scadenza dei contributi annuali.

 

I contributi da considerare sono:

  1. soggettivo, in funzione del reddito;
  2. integrativo, da inserire su ogni fattura emessa al cliente;
  3. maternità, indennità per le lavoratrici autonome.

 

Liberi Professionisti non iscritti alla cassa previdenziale

Bisogna fare una precisazione sui liberi professionisti senza cassa perché s’intendo ad esempio le seguenti categorie di lavoratori:

  • Webmaster;
  • Web designer;
  • Grafici;
  • Traduttori;
  • Copywriter;
  • Consulenti;
  • Personal Trainer;
  • Fisioterapisti;
  • Operatori Olistici in generale;
  • Guide Turistiche;
  • Fotografici freelance;
  • Amministratori di condomino;
  • e molti altri…

 

Queste categorie e quelle non citate in questo elenco devono comunque pagare “ritenute previdenziali” all’INPS perchè rientrano nella “gestione separata“.

 

Dobbiamo fare un distinguo tra “gestione separata” e non; la non appartenenza a nessuna cassa previdenziale, quindi a nessun albo professionale, si traduce nel fatto che al momento del pagamento dei contributi previdenziali il libero professionista non ha nessuna quota aggiuntiva di contribuzione fissa per l’iscrizione alla cassa di appartenenza.

 

In questo caso i contributi INPS per la gestione separata vengono calcolati esclusivamente in percentuale sul reddito lordo.

 

Ad esempio per un “consulente” senza cassa si dovrà calcolare  il contributo con i seguenti parametri:

  • fatturato;
  • coefficiente di redditività;
  • aliquota gestione separata (25,72%);
  • aliquota imposta sostitutiva (15%).

 

In assenza di fatturato il libero professionista non dovrà versare nessuna contributo all’INPS.

 

Stai cercando i significati di altri termini? Clicca qui.

A
Abbuono
Acconto IVA
Acquisto
AgID
Ammortamento
Analisi di bilancio
Anno fiscale
Anticipo fatture
AssoSoftware
Archiviazione elettronica
ARERA
Asset Turnover
ATECO
Attività
Autofattura
Azienda
Azione
B
B2B
B2B2C
B2C
B2G
B2X
Bilancio di esercizio
Bilancio di previsione
Bilancino
Break even point
Brevetto
Budget vs Actual
Business Angel
Business plan
C
Canali telematici
Capitale circolante
Capitale sociale
Cash flow
Carta di credito
CNS
Cassetto fiscale
Centro di costo
Cessionario e committente
Cespite
Codice di attività
Codici CIG e CUP
Codici fattura elettronica
Codice destinatario
Codice fiscale
CONAI
Conferma dell'ordine
Conservazione sostitutiva
Contabilità
Conto corrente
Conto economico
Contributo previdenziale
Cooperativa
Costo medio ponderato
Credito
Credito d'imposta
Crowdfunding
D
Data di emissione
Data di scadenza
Debito
Dichiarazione IVA
Disinvestimento
Ditta individuale
Dividendo
DDT
Drop shipping
DUNS
DURC
E
E-commerce
E-fattura
elDAS
ENASARCO
Entratel
Esenzione fiscale
Esenzione IVA
Esterometro
F
Factoring
Fattura
Fattura accompagnatoria
Fattura di cortesia
Fattura differita
Fattura elettronica
Fattura omaggio
Fattura PA
Fattura proforma
Fatture e Corrispettivi
FEA
FIFO
Firma digitaleE
Fisco online
Franchising
G
Gig economy
Goodwill
Gestione separata INPS
I
IBAN
Imponibile
Imposta
Incubatore d'impresa
Indice di indebitamento
INARCASSA
Inflazione
Insolvenza
Interesse
IRAP
IRES
IRPEF
ISA
IVA
J
Joint venture
L
LEI
Lettore carte di credito
Libro giornale
Libro maestro
LIFO
Liquidazione IVA
Lotteria scontrini
M
Marca da bollo
Micro impresa
Mission
Modalità di pagamento
Model canvas
Modello di fattura in Excel
Modello di fattura in Word
Modello INTRASTAT
Modello UNICO
N
NACE
Natura IVA
Nota di credito
Nota spese
Numero fattura
Numero REA
O
OCR
OIC
Open innovation
OTP
P
P2B
Parcella
Partita doppia
Partita IVA
Passività
Patent box
Patrimonio netto
PEC
Perdita
Prestazione occasionale
Preventivo fiscale
Principio di cassa
Principio di competenza
Q
QR code
R
Regione sociale
Rappresentante fiscale
Ravvedimento operoso
Regime fiscale semplificato
Regime forfettario
Regime IVA per cassa
Regime IOSS
Regime MOSS
Regime ordinario
Registro dei corrispettivi
Registro IVA
Reverse charge
Ricevuta fiscale
Riconciliazione bancaria
Rimborso IVA
Rimessa diretta
Ritenuta d'acconto
Ritenuta previdenziale
Rivalsa
ROA
S
SCIA
Sconto
Scontrino telematico
Scorporo IVA
Sezionale fattura
SdI (Sistema di Interscambio)
Società di diritto
Sollecito
Sostituto d'imposta
Spesometro
Split payment
S.r.l.
S.r.l.s.
Start up
Stato patrimoniale
Storno fattura
Studi di settore
Surcharge
SWIFT e BIC
T
Tasso di cambio
Tonnage tax
V
Valuta
Venture capital
VIES
Vision
Volume d'affari
X
XML
Fattura elettronica

Prova Fattura24

GRATIS

per 30 giorni

CLICCA QUI