Canale di invio e ricezione
accreditato SdI.
Sistema di Interscambi
Telefono
+39.06-40402261

Natura operazioni IVA

Dizionario di contabilità

A
Abbuono
Acconto IVA
Acquisto
AgID
Ammortamento
Analisi di bilancio
Anno fiscale
Anticipo fatture
AssoSoftware
Archiviazione elettronica
ARERA
Asset Turnover
ATECO
Attività
Autofattura
Azienda
Azione
B
B2B
B2B2C
B2C
B2G
B2X
Bilancio di esercizio
Bilancio di previsione
Bilancino
Break even point
Brevetto
Budget vs Actual
Business Angel
Business plan
C
Canali telematici
Capitale circolante
Capitale sociale
Cash flow
Carta di credito
CNS
Cassetto fiscale
Centro di costo
Cessionario e committente
Cespite
Codice di attività
Codici CIG e CUP
Codici fattura elettronica
Codice destinatario
Codice fiscale
CONAI
Conferma dell'ordine
Conservazione sostitutiva
Contabilità
Conto corrente
Conto economico
Contributo previdenziale
Cooperativa
Costo medio ponderato
Credito
Credito d'imposta
Crowdfunding
D
Data di emissione
Data di scadenza
Debito
Dichiarazione IVA
Disinvestimento
Ditta individuale
Dividendo
DDT
Drop shipping
DUNS
DURC
E
E-commerce
E-fattura
elDAS
ENASARCO
Entratel
Esenzione fiscale
Esenzione IVA
Esterometro
F
Factoring
Fattura
Fattura accompagnatoria
Fattura di cortesia
Fattura differita
Fattura elettronica
Fattura omaggio
Fattura PA
Fattura proforma
Fatture e Corrispettivi
FEA
FIFO
Firma digitaleE
Fisco online
Franchising
G
Gig economy
Goodwill
Gestione separata INPS
I
IBAN
Imponibile
Imposta
Incubatore d'impresa
Indice di indebitamento
INARCASSA
Inflazione
Insolvenza
Interesse
IRAP
IRES
IRPEF
ISA
IVA
J
Joint venture
L
LEI
Lettore carte di credito
Libro giornale
Libro maestro
LIFO
Liquidazione IVA
Lotteria scontrini
M
Marca da bollo
Micro impresa
Mission
Modalità di pagamento
Model canvas
Modello di fattura in Excel
Modello di fattura in Word
Modello INTRASTAT
Modello UNICO
N
NACE
Natura IVA
Nota di credito
Nota spese
Numero fattura
Numero REA
O
OCR
OIC
Open innovation
OTP
P
P2B
Parcella
Partita doppia
Partita IVA
Passività
Patent box
Patrimonio netto
PEC
Perdita
Prestazione occasionale
Preventivo fiscale
Principio di cassa
Principio di competenza
Q
QR code
R
Regione sociale
Rappresentante fiscale
Ravvedimento operoso
Regime fiscale semplificato
Regime forfettario
Regime IVA per cassa
Regime IOSS
Regime MOSS
Regime ordinario
Registro dei corrispettivi
Registro IVA
Reverse charge
Ricevuta fiscale
Riconciliazione bancaria
Rimborso IVA
Rimessa diretta
Ritenuta d'acconto
Ritenuta previdenziale
Rivalsa
ROA
S
SCIA
Sconto
Scontrino telematico
Scorporo IVA
Sezionale fattura
SdI (Sistema di Interscambio)
Società di diritto
Sollecito
Sostituto d'imposta
Spesometro
Split payment
S.r.l.
S.r.l.s.
Start up
Stato patrimoniale
Storno fattura
Studi di settore
Surcharge
SWIFT e BIC
T
Tasso di cambio
Tonnage tax
V
Valuta
Venture capital
VIES
Vision
Volume d'affari
X
XML
Fattura elettronica

Prova Fattura24

GRATIS

per 30 giorni

CLICCA QUI

L’apparato contabile italiano ha ideato una serie di codici sulla natura delle operazioni IVA, o semplicemente natura IVA o codici natura, per l’identificazione univoca di tutte le operazioni che portano a l’emissione di un documento fiscale; il sistema di codice è comprensivo anche delle operazioni esenti dall’applicabilità dell’aliquota IVA.

 

Il sistema codifica i seguenti aspetti dell’operazione:

  • tipo di documento;
  • aliquota IVA o natura delle operazioni non soggette ad IVA;
  • regime fiscale;
  • metodo di pagamento;
  • cassa previdenziale.

 

Emettere una fattura elettronica, una parcella elettronica e una nota di credito elettronica richiede molta attenzione alla scelta del giusto codice per l’aliquota IVA da comunicare all’Agenzia delle Entrate.

 

Il sistema di codifica sulla natura delle operazioni IVA ha una struttura composta dalla lettera N (Natura) che precede un numero che classifica la N, cioè la natura.

 

Qui sotto riportiamo la lista completa dei codici validi:

  1. N1 – escluse ex art. 15;
  2. N2.1 – non soggette ex artt. da 7 a 7-septies;
  3. N2.2 – non soggette altri casi;
  4. N3.1 – non imponibili esportazioni;
  5. N3.2 – non imponibili cessioni intraUE;
  6. N3.3 – non imponibili cessioni verso San Marino;
  7. N3.4 – non imponibili operazioni assimilate alle cessioni all’esportazione;
  8. N3.5 – non imponibili a seguito di dichiarazione d’intento;
  9. N3.6 – non imponibili altre operazioni che non concorrono alla formazione del plafond;
  10. N4 – esenti;N5 – regime del margine IVA non esposta in fattura;
  11. N6.1 – inversione contabile cessione di rottami e altri materiali di recupero;
  12. N6.2 – inversione contabile cessione di oro e argento puro;
  13. N6.3 – inversione contabile subappalto nel settore edile;
  14. N6.4 – inversione contabile cessione di fabbricati;
  15. N6.5 – inversione contabile cessione di telefoni cellulari;
  16. N6.6 – inversione contabile cessione di prodotti elettronici;
  17. N6.7 – inversione contabile prestazioni comparto edile e settori connessi;
  18. N6.8 – inversione contabile operazioni settore energetico;
  19. N6.9 – inversione contabile altri casi;
  20. N7 – IVA assolta in altro Stato UE.

 

Analizziamo di seguito.

 

1. N1 – escluse ex art. 15

Si utilizza per le operazioni escluse ai sensi dell’art. 15, DPR n. 633/72 per:

  • somme dovute a titolo di interessi moratori e/o penalità per ritardi e/o altre irregolarità nell’adempimento degli obblighi del cessionario e/o committente;
  • beni ceduti a titolo di sconto, premio o abbuono;
  • somme dovute a titolo di rimborso delle anticipazioni fatte in nome e per conto della controparte, purché regolarmente documentate.

 

2. N2.1 – non soggette ex artt. da 7 a 7-septies

Si utilizza per le operazioni non soggette ad IVA per assenza del requisito della territorialità (artt. da 7 a 7-septies, DPR n. 633/72) di emissione della fattura (art. 21, comma 6-bis, DPR n. 633/72; rigo VE34 del modello IVA).

 

Per le cessioni di beni e/o prestazioni di servizi, diverse da quelle di cui all’art. 10, comma 1 (nn. 1, 4 e 9) e comma 6-bis lettera a del DPR n. 633/72, effettuate nei confronti di soggetti passivi UE debitori dell’imposta deve essere inserita la dicitura Inversione contabile nel campo 2.2.1.16.2 del blocco 2.2.1.16 <AltriDatiGestionali>.

 

3. N2.2 – non soggette altri casi

Si utilizza per le seguenti operazioni:

  • fatture emesse da un contribuente forfetario;
  • operazioni d.  monofase  ex  art.  74,  DPR  n.  633/72 (ad esempio, editoria);
  • quota non soggetta (60%) cessione autoveicoli acquistati a IVA detratta nella misura del 40%.

 

4. N3.1 – non imponibili esportazioni

Si utilizza per le operazioni di esportazioni di beni ex art. 8, comma 1, lett. a), b) e b-bis), DPR n. 633/72, tra le quali sono ricomprese anche (rigo VE30, campo 2 del modello IVA):

  • le cessioni, nei confronti dei cessionari o commissionari di questi, eseguite mediante trasporto o spedizione di beni fuori
    dal territorio dell’Unione Europea, a cura o a nome del cedente o dei suoi commissionari;
  • le cessioni di beni prelevati da un deposito IVA con trasporto o spedizione fuori del territorio dell’Unione Europea (art.
    50-bis, comma 4, lett. g), del Decreto Legge n. 331/1993).

 

5. N3.2 – non imponibili cessioni intraUE

Si utilizza per le operazioni di cessioni intraUE (ex art. 41, DL n. 331/93), tra le quali sono comprese:

  • l’ipotesi in cui il cedente nazionale consegna i beni per conto del proprio acquirente UE in uno Stato membro diverso da quello di appartenenza di quest’ultimo (triangolare UE promossa da soggetto di altro Stato UE);
  • l’ipotesi di cessione di beni da parte di un soggetto nazionale che fa consegnare gli stessi dal proprio fornitore UE al  proprio cessionario di un altro Stato membro ivi designato al pagamento dell’imposta (triangolare UE promossa da soggetto passivo nazionale);
  • le cessioni intraUE di beni prelevati da un deposito IVA con spedizione in altro Stato UE (ex art. 50-bis, comma 4, lett. f), DL n. 331/93).

 

Le cessioni intraUE di prodotti agricoli ed ittici, anche se non compresi nella Tabella A, parte I, DPR n. 633/72, effettuate da produttori agricoli e ittici (ex art. 34, DPR n. 633/72): clicca qui.

 

6. N3.3 – non imponibili cessioni verso San Marino

Si utilizza per le operazioni di cessioni di beni effettuate nei confronti di operatori sammarinesi (rigo VE30, campo 4 del modello IVA).

 

7. N3.4 – non imponibili operazioni assimilate alle cessioni all’esportazione

Si utilizza per le operazioni assimilate alle cessioni all’esportazione (art. 8-bis, DPR n. 633/72), per i servizi internazionali o connessi agli scambi internazionali (art. 9, DPR n. 633/72) e le operazioni effettuate nei confronti dello Stato del Vaticano (rigo VE30, campo 5 del modello IVA).

 

Viene utilizzato anche per alcuni documenti integrativi, inviati dal cessionario e/o committente debitore dell’imposta.

 

ATTENZIONE: in caso di acquisti di servizi non imponibili da prestatore estero trasmessi con tipo documento TD17 (integrazione e/o autofattura per acquisto di servizi dall’estero), oppure in caso di trasmissione di un tipo documento TD18 per integrazione fattura da reverse charge estero riferito ad acquisti non imponibili ai sensi dell’art. 42, DL n. 331/93 (per acquisti esenti, ai sensi della citata norma, va utilizzato il codice N4).

 

8. N3.5 – non imponibili a seguito di dichiarazione d’intento

Si utilizza per le operazioni non imponibili fatte nei confronti di esportatori abituali che hanno rilasciato la dichiarazione d’intento (rigo VE31 del modello IVA).

 

Viene utilizzato anche dal cessionario esportatore abituale che utilizza il plafond, ad esempio per:

  • TD18, integrazione per acquisto intraUE di beni;
  • TD23, estrazione beni da un deposito IVA introdotti ex art. 50, comma 4, lett. c), DL n. 331/93.

 

9. N3.6 – non imponibili altre operazioni che non concorrono alla formazione del plafond

Si utilizza in fatture per le operazioni di cessione (rigo VE32 del modello IVA):

  • relative a beni in transito o depositati in luoghi soggetti a vigilanza doganale;
  • a soggetti domiciliati / residenti fuori dall’UE ex art. 38-quater, comma 1, DPR n. 633/72;
  • di beni destinati ad essere introdotti in un deposito IVA ex art. 50-bis, comma 4, lett. c), DL n. 331/93;
  • di beni e prestazioni di servizi aventi ad oggetto beni custoditi in un deposito IVA ex art. 50-bis, comma 4, lett. e) ed h), DL n. 331/93.

 

Anche nel caso di trasferimenti di beni da un deposito IVA ad un altro ex art. 50- bis, comma 4, lett. i), DL n. 331/93.

 

Viene utilizzato anche dal cessionario, ad esempio, nei seguenti casi:

  • TD18: integrazione per acquisto intraUE di beni con introduzione in un deposito IVA;
  • TD19: integrazione per acquisto da cedente estero di beni già presenti in Italia con introduzione in un deposito IVA oppure per acquisto da cedente estero di beni all’interno del deposito IVA.

 

10. N4 – esenti

Si utilizza per le operazioni esenti ex art. 10, DPR n. 633/72, per visionarlo clicca qui.

 

Come precisato dall’Agenzia nella Risoluzione 5.7.2017, n. 87/E, in caso di acquisto intraUE effettuato ai sensi dell’art. 42, DL n. 331/93, che non viene integrato con l’IVA, in caso di operazione esente va riportato il codice N4.

 

11. N5 – 5egime del margine IVA non esposta in fattura

Si utilizza per le operazioni in cui si applica il regime dei beni usati (ex art. 36, DL n. 41/95).

 

Il codice N5 va utilizzato anche per le fatture dalle agenzie di viaggio e turismo (ex art. 74-ter, DPR n. 633/72) riportando l’annotazione regime del margine – agenzie di viaggio (art. 21, comma 6, lett. e), DPR n. 633/72) e il valore dell’imponibile comprensivo di IVA.

 

12. N6.2 – inversione contabile cessione di oro e argento puro

Si utilizza per le operazioni di cessioni di oro da investimento imponibili a seguito di opzione nonché di oro e argento puro ai sensi dell’art. 17, comma 5, DPR n. 633/72.

Tali operazioni sono riepilogate a rigo VE35, campo 3 del modello IVA.

 

13. N6.3 – Inversione contabile subappalto nel settore edile

Si utilizza per le prestazioni di servizi rese nel settore edile da subappaltatori senza addebito dell’imposta ai sensi dell’art. 17, comma 6, lett. a), DPR n. 633/72 (rigo VE35, campo 4 del modello IVA).

 

14. N6.4 – inversione contabile cessione di fabbricati

Si utilizza per le operazioni di cessioni dei fabbricati e/o porzioni di fabbricato per le quali l’imposta è dovuta dal cessionario, ai sensi dell’art. 17, comma 6, lett. a-bis), DPR n. 633/72 (rigo VE35, campo 5 del modello IVA).

 

15. N6.5 – inversione contabile cessione di telefoni cellulari

Si utilizza per le operazioni di cessione dei telefoni cellulari per  le quali l’imposta è dovuta dal cessionario, ai sensi dell’art. 17, comma 6, lett. b), DPR n. 633/72 (rigo VE35, campo 6 del modello IVA).

 

16. N6.6 inversione contabile cessione di prodotti elettronici

Si utilizza per le operazioni di cessione delle console da gioco, tablet PC e laptop, nonché di dispositivi a circuito integrato, quali microprocessori e unità centrali di elaborazione prima della loro installazione in prodotti destinati a consumatori finali per le quali l’imposta è dovuta dal cessionario, ai sensi dell’art. 17, comma 6, lett. c), DPR n. 633/72 (rigo VE35, campo 7 del modello IVA).

 

17. N6.7 – inversione contabile prestazioni comparto edile e settori connessi

Si utilizza per le prestazioni di servizi di pulizia e/o demolizione e/o installazione di impianti e di completamento relative a edifici per le quali l’imposta è dovuta dal cessionario, ai sensi dell’art 17, comma 6, lett. a-ter), DPR n. 633/72 (rigo VE35, campo 8 del modello IVA).

 

18. N6.8 – inversione contabile operazioni settore energetico

Si utilizza per le operazioni svolte nel settore energetico per le quali l’imposta è dovuta dal cessionario, ai sensi dell’art. 17, comma 6, lett. d-bis), d-ter) e d-quater), DPR n. 633/72 (rigo VE35, campo 9 del modello IVA).

 

19. N6.9 – inversione contabile altri casi

Si utilizza peri eventuali nuove tipologie di operazioni, rispetto a quelle sopra elencate, per le quali è prevista l’applicazione dell’inversione contabile ad esclusione delle prestazioni per committenti UE doveva indicato il codice N2.1.

 

20. N7 – IVA assolta in altro Stato UE

Si utilizza per le operazioni soggette a modalità speciali di determinazione e/o assolvimento dell’IVA:

  • vendite a distanza (ex artt. 40, commi 3 e 4 e 41, comma 1, lett.b), DL n. 331/93);
  • prestazioni di servizi di telecomunicazioni, teleradiodiffusione ed elettronici in caso di adesione al MOSS (ex artt. 7-sexies, lett. f) e g), DPR n. 633/72 e 74-sexies, DPR n. 633/72).

 

ATTENZIONE: se il contribuente, pur essendone esonerato, emette fattura con l’imposta dello Stato UE di residenza del consumatore finale, nei campi Aliquota e Imposta va riportato 0 (zero) e nel campo Natura il codice N7 (art. 7-octies, DPR n. 633/72).

 

Stai cercando i significati di altri termini? clicca qui.

A
Abbuono
Acconto IVA
Acquisto
AgID
Ammortamento
Analisi di bilancio
Anno fiscale
Anticipo fatture
AssoSoftware
Archiviazione elettronica
ARERA
Asset Turnover
ATECO
Attività
Autofattura
Azienda
Azione
B
B2B
B2B2C
B2C
B2G
B2X
Bilancio di esercizio
Bilancio di previsione
Bilancino
Break even point
Brevetto
Budget vs Actual
Business Angel
Business plan
C
Canali telematici
Capitale circolante
Capitale sociale
Cash flow
Carta di credito
CNS
Cassetto fiscale
Centro di costo
Cessionario e committente
Cespite
Codice di attività
Codici CIG e CUP
Codici fattura elettronica
Codice destinatario
Codice fiscale
CONAI
Conferma dell'ordine
Conservazione sostitutiva
Contabilità
Conto corrente
Conto economico
Contributo previdenziale
Cooperativa
Costo medio ponderato
Credito
Credito d'imposta
Crowdfunding
D
Data di emissione
Data di scadenza
Debito
Dichiarazione IVA
Disinvestimento
Ditta individuale
Dividendo
DDT
Drop shipping
DUNS
DURC
E
E-commerce
E-fattura
elDAS
ENASARCO
Entratel
Esenzione fiscale
Esenzione IVA
Esterometro
F
Factoring
Fattura
Fattura accompagnatoria
Fattura di cortesia
Fattura differita
Fattura elettronica
Fattura omaggio
Fattura PA
Fattura proforma
Fatture e Corrispettivi
FEA
FIFO
Firma digitaleE
Fisco online
Franchising
G
Gig economy
Goodwill
Gestione separata INPS
I
IBAN
Imponibile
Imposta
Incubatore d'impresa
Indice di indebitamento
INARCASSA
Inflazione
Insolvenza
Interesse
IRAP
IRES
IRPEF
ISA
IVA
J
Joint venture
L
LEI
Lettore carte di credito
Libro giornale
Libro maestro
LIFO
Liquidazione IVA
Lotteria scontrini
M
Marca da bollo
Micro impresa
Mission
Modalità di pagamento
Model canvas
Modello di fattura in Excel
Modello di fattura in Word
Modello INTRASTAT
Modello UNICO
N
NACE
Natura IVA
Nota di credito
Nota spese
Numero fattura
Numero REA
O
OCR
OIC
Open innovation
OTP
P
P2B
Parcella
Partita doppia
Partita IVA
Passività
Patent box
Patrimonio netto
PEC
Perdita
Prestazione occasionale
Preventivo fiscale
Principio di cassa
Principio di competenza
Q
QR code
R
Regione sociale
Rappresentante fiscale
Ravvedimento operoso
Regime fiscale semplificato
Regime forfettario
Regime IVA per cassa
Regime IOSS
Regime MOSS
Regime ordinario
Registro dei corrispettivi
Registro IVA
Reverse charge
Ricevuta fiscale
Riconciliazione bancaria
Rimborso IVA
Rimessa diretta
Ritenuta d'acconto
Ritenuta previdenziale
Rivalsa
ROA
S
SCIA
Sconto
Scontrino telematico
Scorporo IVA
Sezionale fattura
SdI (Sistema di Interscambio)
Società di diritto
Sollecito
Sostituto d'imposta
Spesometro
Split payment
S.r.l.
S.r.l.s.
Start up
Stato patrimoniale
Storno fattura
Studi di settore
Surcharge
SWIFT e BIC
T
Tasso di cambio
Tonnage tax
V
Valuta
Venture capital
VIES
Vision
Volume d'affari
X
XML
Fattura elettronica

Prova Fattura24

GRATIS

per 30 giorni

CLICCA QUI