Passa al contenuto principale

Prestazione occasionale

La prestazione occasionale è un sistema di lavoro che consiste nella fornitura saltuaria di un servizio per lo stesso cliente per un periodo non superiore ai 30 giorni e compensi non superiori ai 5000 euro netti.

È un formula molto utilizzata dai freelance che sono nella fase di inizio della propria attività e che non hanno ancora intenzione di aprire una partita IVA.

Pagare la ritenuta d’acconto per la prestazione

Il versamento della ritenuta d’acconto relativa alla prestazione occasionale dovrà essere fatto dal cosiddetto sostituto d’imposta, ossia dal datore di lavoro, il quale, entro il 16 del mese successivo dovrà versare l’imposta attraverso il modello F24.

Qualora il 16 cadesse in un giorno festivo la data di versamento sarà il primo giorno feriale utile.

Esempio

Un professionista che ha effettuato una prestazione deve rilasciare una ricevuta non fiscale inserendo i seguenti dati:

  • Dati personali;
  • Dati del committente;
  • Data e numero progressivo della ricevuta;
  • Corrispettivo lordo concordato;
  • Ritenuta d’acconto pari al 20% del compenso lordo;
  • Importo netto;
  • Marca da bollo da 2.00 € se la ricevuta supera i 77.47 €.

Tale ricevuta ha il compito di certificare l’avvenuto pagamento al committente.