Passa al contenuto principale

Note di credito

La nota di credito è lo strumento che viene utilizzato per correggere contabilmente una fattura che ha portato ad errati accrediti e/o addebiti.

Nello specifico quando l’importo addebitato in fattura è più alto di quello realmente dovuto dal cliente, si parla di nota di credito mentre si parlerà di nota di debito nel caso opposto.

Di fatto la nota di credito è un documento attestante un credito da parte del cliente nei nostri confronti (come storno dell’errato conteggio in precedenza effettuato in fattura) e, allo stesso modo la nota di debito rappresenta un debito che il cliente ha nei nostri riguardi.

Generalmente l’emissione di una nota di variazione si rende necessaria quando:

  • è stata calcolata un’imposta non corretta;
  • la base imponibile inserita in fattura non è corretta;
  • viene applicata un’aliquota IVA non corretta;
  • viene applicata uno sconto per materiale dichiarato difettoso dal cliente;
  • ci si è dimenticati di inserire in fattura una scontistica già concordata col cliente;
  • il contratto è annullato o rescisso.

La nota di credito rappresenta un potente strumento per rettificare le fatture già emesse con errori nel calcolo dell’imponibile e dell’IVA.

Tramite di essa possiamo applicare sconti non precedentemente applicati per errore e recuperare l’IVA (quindi il 22% dell’importo fatturato) quando per problematiche di mancato incasso non riusciamo ad incassare il credito già contabilizzato.

Di seguito tratteremo nello specifico la nota di credito, avendo tuttavia ricordiamo che essa rappresenta un caso specifico di una generica nota di variazione.

Nota di variazione

Una nota di credito (genericamente una nota di variazione) è identica a una fattura, con l’indicazione di data di emissione e numerazione della nota di credito, inserendo in vece della dicitura fattura n° l’indicazione nota di credito n° e indicando il riferimento alla fattura originaria dalla quale va stornato l’importo indicato nella nota stessa.

Le nota di variazione devono essere annotate sia nel Registro IVA che nel Libro Giornale perché è un documento valido fiscale.

Quando si esegue una modifica, attraverso questo strumento fiscale, di fatto si modifica anche l’importo relativo all’IVA da versare.

Casi di utilizzo

Secondo la Legge IVA (art. 26 del D.P.R. 633/72) se a seguito di:

  • Dichiarazione di nullità;
  • Annullamento;
  • Revoca;
  • Risoluzione;
  • Rescissione e simili;
  • Mancato pagamento (parziale/totale) per procedure concorsuali;
  • Procedure esecutive rimaste infruttuose;
  • Applicazione di sconti o abbuoni previsti da contratto.

Viene meno (totalmente o parzialmente) un’operazione o se ne riduce l’ammontare imponibile, il cedente del bene (o della prestazione) ha diritto di detrarre l’imposta relativa alla suddetta variazione.

Questo è possibile per i casi in cui è già stata emessa la fattura successivamente alla registrazione in prima nota.

Le correzioni hanno il limite temporale di un anno dall’effettuazione dell’operazione imponibile se, ovviamente, dipendono da un’accordo tra le parti o in caso di inesattezze in fattura.

Nel caso di mancato incasso su una fattura già emessa, invece, si può evitare il pagamento dell’imposta.

ESEMPIO

Possiamo annoverare il mancato pagamento del debitore che, in questo caso, è soggetto a procedure concorsuali e/o esecutive che non hanno avuto esito.

Il creditore può emettere una nota di variazione in diminuzione dell’importo dovutogli (imponibile e imposta).