Passa al contenuto principale

Fattura

La fattura è un documento fiscale obbligatorio emesso da un soggetto fiscale per comprovare l’avvenuta vendita di prodotti, servizi e prestazioni professionali.

L’emissione attribuisce il dovere al pagamento per il committente, dell’acquirente.

Tipologie di fattura

Abbiamo le seguenti tipologie della fattura:

  • Accompagnatoria: funge anche da DDT quindi si esegue una sola operazione per scaricare il magazzino e fatturare, e in più, non si devono stampare due documenti e va firmata dal ricevente esattamente come i DDT;
  • Differita, o riepilogativa: si rilascia un documento con scansione temporale che riassume diverse cessioni/prestazioni, riduce gli adempimenti contabili di registrazione;
  • Acconto: pagamento anticipato di un acconto quando il valore della fornitura è molto elevato il venditore intende cautelarsi nei confronti di un cliente. A consegna o spedizione eseguita deve emettere un’ulteriore fattura a saldo.

In alcuni casi è possibile avere la fattura dopo l’emissione di scontrino fiscale e il venditore è obbligato, su richiesta del compratore, a emettere fattura e non scontrino e/o ricevuta.

Le spese di emissione della fattura e dei conseguenti adempimenti e formalità non possono formare oggetto di addebito a qualsiasi titolo.

Lo prevede esplicitamente l’art. 21 comma 8 del DPR 633/72. Pertanto, qualsiasi richiesta o imputazione di voce specifica in fattura relative a spese burocratico e/o amministrative di rilascio sono espressamente vietate e illegittime.

A volte, su ricevute e fatture, specie di esercizi pubblici compare la sigla L.c.d.f. (luogo di conservazione degli stampati fiscali)

Cosa contiene

I contenuti obbligatori sono i seguenti:

  • Impresa, denominazione o ragione sociale dell’emittente, indirizzo della sede, numero di partita IVA o codice fiscale;
  • Dati dell’intestatario;
  • Data;
  • Numerazione progressiva;
  • Descrizione prodotto/servizio venduto;
  • Imponibile, importo prima dell’applicazione dell’aliquota IVA;
  • Aliquota IVA da pagare;
  • Totale dato da imponibile e IVA;
  • Eventuali sconti;
  • Eventuale termine e modalità di pagamento.

Descrittiva del documento

La parte descrittiva contiene:

  • I dati identificativi del cedente;
  • Dati identificativi del cessionario;
  • Data di emissione;
  • Numero di fattura;
  • Condizioni generali.

Tabella dei prodotto o della prestazione

La parte tabellare contiene:

  • La quantità e la descrizione del bene venduto o del servizio svolto o da svolgere;
  • Codici degli articoli fatturati;
  • Prezzo unitario e l’importo totale di ciascun articolo;
  • Sconti applicati:
  • Spese accessorie;
  • Base imponibile per il calcola dell’IVA;
  • Aliquota IVA da applicare al prodotto o al servizio;
  • Totale fattura.

Campo note

In questa sezione è possibile riportare ulteriori informazioni:

  • matricola o seriale;
  • lotto di produzione;
  • riferimenti ai DDT (Documento di Trasporto);
  • riferimenti a ordini o contratti;
  • precisazioni temporali o accordi;
  • edizione degli eventuali allegati obbligatori al prodotto;
  • riferimenti a certificati;
  • relazioni o rapportini di un intervento svolto.

Data di emissione

Viene emessa in più copie per essere archiviata dall’emittente e dal destinatario ed essendo un documento fiscale, con obbligo di registrazione contabile in bilancio, si deve utilizzare una numerazione progressiva per anno fiscale.

Registrazione

La registrazione avviene generalmente su:

  • Registro degli acquisti: per i documenti ricevuti dopo un acquisto;
  • Registro delle vendite: per i documenti emessi dopo una vendita.

Fattura e normativa IVA

La fattura deve essere assoggettata alle leggi sull’IVA (D.P.R. 633/72 e successive modificazioni e integrazioni anche di livello comunitario).

Nel caso si presenti la necessità di emettere il documento all’estero, si deve scrivere il documento fiscale in lingua straniera e utilizzare la valuta estera del paese di destinazione; se il paese di destinazione fa parte della comunità europea bisogna fare attenzione che i valori vengano trascritti in euro; attenzione che non tutti i paesi della comunità hanno adottato l’euro.