Passa al contenuto principale

Dichiarazione IVA

La dichiarazione IVA è una dichiarazione fiscale che riporta le entrate e le uscite del periodo fiscale annuale; quasi tutti titolari di partita IVA sono obbligati a presentarla.

Cerchiamo di capire di cosa si tratta.

La dichiarazione IVA è un modello dichiarativo che il contribuente, titolare di partita IVA, deve presentare. All'interno del modello di dichiarazione vengono inserite tutte le entrate e le uscite che sono avvenute nell'anno precedente alla presentazione.

Il suo utilizzo è utile al calcolo delle imposte.

Da tale calcolo si potrà evincere se un contribuente sarà tenuto a versare l'IVA, è il caso della liquidazione IVA, o se avrà diritto ad un credito IVA - è il caso del rimborso IVA.

Chi la presenta

Il modello dovrà essere presentato telematicamente tramite l'apposito servizio dell'Agenzia delle Entrate tra il 1° febbraio e il 2° maggio dell'anno successivo: clicca qui.

Attenzione

Ricordsati che ogni anno cambia il periodo per la dichiarazione.

Sono tenuti alla presentazione tutti i contribuenti esercenti attività d'impresa, professionali o artistiche, titolari di partita IVA.

Gli esclusi

Sono esonerati dalla presentazione della dichiarazione IVA:

  • i contribuenti che hanno registrato operazioni esenti, che si sono avvalsi della dispensa dagli obblighi di fatturazione e di registrazione di operazioni esenti ad esclusione di operazioni imponibili, intracomunitarie o rettifiche e acquisti con l’imposta a carico del cessionario;
  • i contribuenti che si avvalgono del regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità;
  • i produttori agricoli esonerati dagli adempimenti;
  • gli esercenti attività di organizzazione di giochi, intrattenimenti e altre attività simili, esonerati dagli adempimenti IVA, che non hanno optato per l’applicazione dell’IVA nei modi ordinari;
  • i soggetti passivi d’imposta, residenti in altri stati membri della Comunità europea, se hanno effettuato nell’anno d’imposta solo operazioni non imponibili, esenti, non soggette o comunque senza obbligo di pagamento dell’imposta;
  • i soggetti che hanno esercitato l’opzione per l’applicazione delle disposizioni in materia di attività di intrattenimento e di spettacolo, esonerati dagli adempimenti Iva per tutti i proventi conseguiti nell’esercizio di attività commerciali connesse agli scopi istituzionali;
  • i soggetti domiciliati o residenti fuori dall’ Unione europea, non identificati in ambito comunitario, che si sono identificati ai fini dell’IVA nel territorio dello Stato con le modalità per l’assolvimento degli adempimenti relativi a tutti i servizi resi a committenti non soggetti passivi d’imposta;
  • le imprese individuali che hanno dato in affitto l’unica azienda e non esercitano altre attività rilevanti agli effetti dell’IVA;
  • i contribuenti che si avvalgono del regime forfetario per le persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti e professioni;
  • i raccoglitori occasionali di prodotti selvatici non legnosi e i raccoglitori occasionali di piante officinali spontanee che nell'anno solare precedente hanno realizzato un volume d'affari non superiore ad euro 7.000.

Consigliamo un confronto con il consulente fiscale (Commercialista, Tributarista, Esperto contabile o Ragioniere).