Passa al contenuto principale

Debito

Con il termine debito si intende un obbligo nel perseguire una determinata azione al fine di soddisfare le esigenze di un determinato soggetto.

In questo caso che svolge la prestazione viene chiamato debitore mentre chi si avvantaggia della prestazione viene chiamato credito; la prestazione può anche essere sostituita da un bene o una somma di denaro che il debitore dovrà restituire ad un creditore in un certo periodo di tempo e secondo determinate condizioni imposte dal creditore.

La riscossione di un debito può avvenire tramite azioni giuridiche che portano alla pignorabilità del bene, sussistenza del credito, regolarità delle notifiche.

Il concetto di debito può essere inteso come leva finanziaria per accrescere la profittabilità delle partite IVA se contratto come contropartita ad un'investimento; con il differenziale positivo (spread) fra tassi attivi e passivi.

Attenzione, la contrazione del debito può portare, di fatto, alla perdita dell'autonomia economica e gestionale per i diritti vantati da terzi sull'impresa nel caso in cui il debito non riesca ad estinguerlo.

Per questo motivo, negli anni, sono nate le società di rating che valutano le aziende anche sulla base delle loro esposizioni finanziarie.

I debiti sono denominati nella valuta del paese di residenza della partita IVA che lo contrare l'impresa, indipendentemente dalla moneta nella quale il creditore ha erogato il prestito; dai bilanci delle aziende non è evidenziato il rischio di cambio al quale l'azienda potrebbe essere esposta.

Ricorrere al debito è una pratica molto comune per le partite IVA che spesso richiedono finanziamenti agli istituti di credito.

I motivi possono essere diversi, ad esempio:

  • acquisto di macchinari;
  • investimenti pubblicitari;
  • altri tipi di investimento.