Sistema di Interscambio

Canale di invio e ricezione accreditato SdI

Assistenza telefonica

(+39) 06-40402261

 

Codici CIG e CUP: cosa sono e come vengono utilizzati?

dizionario di contabilità

I Codici CIG e CUP sono due dati alfanumerici che vanno riportati all’interno delle fatture elettroniche e vengono inseriti, in particolare, nelle fatture emesse verso la Pubblica Amministrazione. Ma vediamo in maniera più approfondita di cosa si tratta.

 

Codice CIG e CUP: significato e utilizzo

 

 

Entrambi i codici svolgono la funzione di identificare in maniera univoca una gara d’appalto, nel caso del CIG, o un investimenti pubblico nel caso del CUP.
 

Codice CIG

 
Il codice CIG (Codice Identificativo Gara), è un codice alfanumerico univoco e obbligatorio composto da dieci caratteri che identifica una gara d’appalto.
 
Viene utilizzato per:
 

  • tracciare i flussi finanziari;
  • comunicare le informazioni agli enti preposti al controllo delle gare, dei lotti e dei contratti;
  • adempiere agli obblighi contributivi;
  • etc.

 
Il CIG deve essere riportato nei contratti lavorativi e inserito all’interno delle fatture elettroniche rivolte alla PA.
 

 

Codice CUP

 

Il codice CUP (Codice Unico di Progetto) è un codice univoco di 15 caratteri alfanumerici che identificano un progetto d’investimento pubblico.
 
Tra i tanti utilizzi il codice Unico viene utilizzato, ad esempio, per:
 

  • garantire la trasparenza e la tracciabilità dei flussi finanziari;
  • prevenire infiltrazioni criminali nell’investimento pubblico;
  • per il monitoraggio da parte del MIP (Monitoraggio Finanziario delle Grandi Opere).

 

Il CUP deve essere inserito in diversi documenti ufficiali.

 

In altre parole ci riferiamo a quei documenti che hanno a che fare con bandi, richieste di investimento, flussi finanziari e molto altro. Ciò che è importante sottolineare in questa sede è che i codici CIG e CUP devono essere inseriti all’interno dei documenti contabili.
 

Per documenti contabili intendiamo anche le fatture elettroniche, infatti queste devono avere al proprio interno i codici GIC e CUP ; come riferimento per la tracciabilità dei flussi finanziari riferiti alle gare di appalto e agli investimenti pubblici.