Regime Forfettario – Novità per il 2017

Regime Forfettario. Abbiamo già descritto le linee guida per il nuovo regime agevolato. Vediamo di riassumere brevemente i vantaggi che esso offre anche per il 2017.

Leandro D'Addario Leandro D’Addario

Con quale software fatturare?

Il regime forfettario offre moltissimi vantaggi ma quando si tratta di fatturare le difficoltà sono dietro l’angolo.
Per questo motivo ti consiglio di utilizzare un servizio di fatturazione fruibile via web o tramite mobile app perchè i classici software da installare sul PC spesso non vengono aggiornati con la normativa italiana.
Fattura24 ha il vantaggio di essere disponibile sia da web che da mobile App ma sopratutto puoi provarlo gratuitamente: https://www.app.fattura24.com/html/subscription.html

Cosa ti serve sapere

Il Regime Forfettario, è un particolare regime agevolato introdotto negli anni passati e di anno in anno raffinato e migliorato attraverso modifiche introdotte dalle relative leggi finanziarie. Abbiamo già trattato tale regime agevolato qui. Vediamo cosa è previsto per il 2017.

Requisiti di accesso.

Possono accedere al Regime Forfettario, tutti i soggetti che svolgono attività d’impresa, arte o professione che rispettino i seguenti vincoli:

  • i ricavi e compensi non devono superare i limiti stabiliti per il codice ATECO relativo all’attività svolta;
  • le spese per dipendenti e lavoro accessorio non possono superare i 5.000€ lordi;
  • le spese inerenti l’acquisto di beni ammortizzabili non possono essere superiori ai 20.000€ lordi.

E’ prevista la possibilità di accesso anche ai lavoratori dipendenti che svolgono una seconda attività, purché l’importo dei redditi conseguiti resti inferiore ai 30.000€ lordi.

Non sono previsti limiti di età o permanenza purché si conservino i requisiti di accesso al regime.

Agevolazioni previste.

Il Regime Forfettario prevede svariate agevolazioni tra queste la più importante è l’applicazione di un’imposta sostitutiva che viene applicata a un coefficiente di redditività.

E’ possibile quindi applicare una percentuale pari al:

  • 5% per i primi cinque anni se l’attività avviata non costituisce prosecuzione di attività già svolte;
  • 15% in tutti gli altri casi.

Tali aliquote particolarmente vantaggiose sono il segno distintivo di questo regime agevolato che permette, a chi non superi determinati vincoli, di essere soggetto a una tassazione inferiore e di avere delle semplificazioni in termini di gestione.

Sono previsti, ad esempio, vantaggi come l’esonero dal versamento e dalla liquidazione dell’IVA, la non necessità di dichiarazione dell’IVA, l’esonero dallo “Spesometro” e dagli studi di settore, la non necessità di registrazione di corrispettivi e delle fatture di acquisto e vendita. Si è inoltre esonerati dal pagamento dell’IRAP.

E’ necessario, tuttavia, provvedere al pagamento dell’imposta di bollo pari a 2€ su fatture emesse con importo superiore ai 77.47€

Contributi previdenziali.

Per le nuove iniziative imprenditoriali si può richiedere un’agevolazione sul minimale contributivo INPS del 35% relativamente alla gestione artigiani e commercianti.

Ricordiamo che se anche solo per una volta si dovesse superare il tetto di ricavi (o non verificare uno degli altri requisiti per la permanenza nel regime), si sarebbe costretti a passare al regime ordinario precludendo la possibilità di avvalersi dei vantaggi fiscali del Regime Forfettario.

Il regime di Cassa

Una delle novità di questo 2017 è che il reddito, per chi opta per la contabilità semplificata, viene determinato mediante il principio di cassa e non l’usuale principio di competenza economica (dove la determinazione del reddito prescinde dal momento effettivo di riscossione/pagamento delle fatture).

La modalità di cassa favorisce tutti i contribuenti con tempistiche di incasso lunghe, facendo sì di non pagare le imposte su operazioni con tempi di riscossione dei crediti non immediati.

A partire dal 2017 è prevista l’adozione obbligatoria del regime di cassa. Vi sono alcuni svantaggi che consistono in nuovi adempimenti inerenti la gestione amministrativa e la tenuta della contabilità.

Chi può optare per il regime di cassa 2017.

Possono optare per tale regime tutti i soggetti che non esercitano l’opzione per la contabilità ordinaria e, nell’anno precedente non hanno superato:

  • 400.000 euro di ricavi per chi svolge prestazioni di servizi;
  • 700.000 euro di ricavi per tutte le altre attività.

Come determinare il reddito per chi usufruisce di tale regime.

Il reddito verrà determinato come:

imponibile

Bisogna sempre fare riferimento, per la determinazione del reddito, i ricavi e i proventi percepiti nel periodo d’imposta e le spese sostenute nello stesso periodo.

Nuovi obblighi contabili.

Chi opta per il regime di cassa deve seguire le direttive dell’articolo 18 del D.p.r. 600/1973 e specificatamente dei commi 2, 4 e 5.

Vuoi gestire le Fatture senza impazzire?

Fattura24 è la soluzione che fa per te!
Più di 50.000 P.IVA hanno risolto i loro problemi scegliendo Fattura24.

Questo articolo ti è piaciuto? Aiutaci a farlo conoscere