Regime forfettario – Guida 2016

Il regime forfettario è l’unico regime agevolato disponibile per le nuove attività come descritto nella legge di stabilità (approvata dal Consiglio dei Ministri lo scorso 15 Ottobre).

Leandro D'Addario Leandro D’Addario

Per chi decidesse di avviare una nuova attività in questo anno potrà beneficiare di un aliquota ridotta (5%) per i primi 5 anni, successivamente al 15%.
Vi sono vari scenari da analizzare per il 2016:

  • Inizio di una nuova attività dal 01/01/2016;
  • Inizio di una nuova attività prima del 31/12/2015;
  • Inizio di un’attività nel 2014

Innanzitutto un’attività commerciale viene considerata nuova se nel triennio precedente l’avvio della stessa non è stata esercitata un’arte o una professione o un’attività d’impresa, ne proseguita un’attività svolta precedentemente (come lavoro autonomo, dipendente o di un soggetto che nell’anno precedente abbia realizzato ricavi in misura superiore al limite per l’accesso al regime agevolato).

Nel caso di inizio di nuova attività a partire dal primo gennaio 2016, l’unico regime agevolato di cui avvalersi sarà il nuovo regime forfettario. In tal caso si applicherà un’aliquota del 5% per i primi cinque anni (invece del 15%). Col nuovo regime vengono rimossi i limiti di età (35 anni) ed è previsto un innalzamento delle soglie di accesso di 10.000€. Per le attività professionali ed equiparate tale soglia viene innalzata invece di 15.000€.

Per chi inizia un’attività entro il 31/12/2015 e decide di usufruire del regime forfettario in corso (quello relativo al 2015 appunto) può applicare un’aliquota ridotta al 10% (invece che al 15%).

Tale aliquota va applicata al reddito imponibile, calcolato attraverso l’applicazione di un coefficiente di redditività ai ricavi e compensi percepiti. Successivamente, per i quattro anni seguenti (dal 2016 al 2019) la legge di stabilità 2016, prevede di poter applicare un aliquota del 5%.

Per chi invece, nel 2015 avesse approfittato del regime dei minimi previsto per il 2014 e prorogato nel 2015 per i soggetti (persone fisiche) che svolgono attività d’impresa, arti e professioni, dovrebbe poter continuare ad usufruirne fino alla naturale scadenza. Non è infatti inserita nell’attuale versione della legge di stabilità 2016 una differente indicazione.

Infine, per chi ha usufruito del regime dei minimi entro il 31/12/2014, come già dettato dalla legge di stabilità 2015, nel 2016 dovrebbe poter continuare ad avvalersene fino a naturale scadenza (compimento del trentacinquesimo anno di età o fine del quinquennio agevolato).

Le novità che si vogliono introdurre per il 2016 sono svariate:

  • Innalzamento delle soglie di accesso/permanenza al regime agevolato
  • Rimozione dei limiti sui redditi da lavoro dipendente
  • Rimozione del limite di età di 35 anni previsto precedentemente
  • Possibilità di usufruire del nuovo regime da parte di lavoratori dipendenti e pensionati purchè non abbiano percepito un reddito da lavoro dipendente e assimilato superiore ai 30.000 euro nel precedente anno.
  • Riduzione dell’aliquota dal 15% al 5% per il primo quinquennio di attività.

La nuova legge di stabilità mira a fare pulizia e promuovere un unico regime agevolato ampliando il bacino di soggetti che possono usufruirne attraverso la rimozione di alcuni vincoli presenti in precedenza, l’innalzamento delle soglie di accesso e permanenza nel regime e un’aliquota fortemente vantaggiosa.
Questo sicuramente potrà costituire una buona spinta al rilancio dell’economia e alla nascita di nuove realtà, che potranno usufruire di tale regime.

Di seguito uno schema riassuntivo con le soglie e i coefficienti finora previsti:

Categoria Soglia Coefficiente
Professionisti 30.000,00 € 78%
Artigiani e imprese non alimentari 30.000,00 € 67%
Commercianti (ingrosso e/o dettaglio) 50.000,00 € 40%
Ambulanti nel settore alimentare 40.000,00 € 40%
Ambulanti di altri prodotti 30.000,00 € 54%
Alberghi 50.000,00 € 40%

Terminata la teoria vediamo come creare la nostra prima fattura rispettando le direttive del regime forfettario, clicca qui per leggere il nuovo articolo

Vuoi gestire le Fatture senza impazzire?
Fattura24 è la soluzione che fa per te!
Più di 50.000 P.IVA hanno risolto i loro problemi scegliendo Fattura24.

Questo articolo ti è piaciuto? Aiutaci a farlo conoscere