Split payment dizionario di contabilità

Cos’è lo split payment?

Split payment: è un sistema di liquidazione IVA che si applica ai rapporti di compravendita di beni e servizi tra imprese ed enti pubblici. Questa nuova modalità (inclusa nella Legge di Stabilità 2015) permette che sotto determinate condizioni sia direttamente l’ente pubblico a versare l’IVA allo Stato. 

I soggetti obbligati a utilizzare lo split payment

La legge prevede alcuni soggetti obbligati all’utilizzo della nuova procedura. Questi sono:

  • lo Stato;
  • gli organi statali dotati di personalità giuridica;
  • gli enti pubblici territoriali;
  • i consorzi formati da enti pubblici, come da articolo 31 D.Lgs. 267/2000;
  • le Camere di Commercio per l’Industria e l’Artigianato;
  • gli istituti universitari;
  • le ASL (Aziende Sanitarie Locali);
  • gli enti ospedalieri;
  • gli enti pubblici di ricovero e cura aventi prevalente carattere scientifico;
  • gli enti pubblici di assistenza e beneficenza e di quelli di previdenza;
  • i professionisti;
  • società pubbliche e controllate;
  • società quotate.

Split Payment: come funziona?

Per applicare lo split payment, i fornitori privati dovranno emettere fattura elettronica verso la PA. Questi saranno anche tenuti ad annotare le fatture emesse nel registro vendite e corrispettivi, a indicar la dicitura “scissione dei pagamenti” e a non computare l’IVA a debito sulle fatture alla PA.

Si dovrà quindi procedere in tre step:

  1. creazione della fattura in formato XML;
  2. firma digitale della stessa tramite smart card rilasciata dalla camera di commercio;
  3. invio verso la PA tramite SdI (Sistema di Interscambio).

Stai cercando i significati di altri termini? Clicca qui


Vuoi gestire le Fatture senza impazzire?
Fattura24 è la soluzione che fa per te!
Più di 50.000 P.IVA hanno risolto i loro problemi scegliendo Fattura24.